×
1 432
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
29 nov 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ikea: l’evoluzione del format dei negozi pesa sull’utile annuo

Di
Reuters
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
29 nov 2018

Ikea Group ha visto l’utile annuo crollare del 26% a causa degli investimenti massicci effettuati per adattarsi all’evoluzione dei comportamenti della clientela, attraverso il miglioramento della sua offerta online e l’apertura di negozi più piccoli in centro città.

Gli investimenti hanno pesato sull'utile annuo di Ikea Group - newsroom.ikea.com


Il gruppo svedese, numero uno mondiale della distribuzione di arredamento, è famoso soprattutto per i suoi grandi store self-service situati nelle periferie delle grandi città e per i suoi mobili che il cliente deve assemblare da solo. Oggi però la clientela è più reticente a spostarsi per effettuare degli acquisti e preferisce farsi consegnare mobili già montati.
 
Ikea punta quindi su dei servizi di consegna e montaggio più rapidi e meno cari. I nuovi negozi in centro città includono, in particolare, uno spazio espositivo dedicato alla cucina a Stoccolma e ai mobili per la sala a Madrid. Il gruppo svedese prevede di aprire degli store simili a Parigi nel 2019 e a Tokyo nel 2020.

Ikea Group, che possiede la maggior parte dei negozi Ikea del mondo, ha annunciato il 28 novembre di aver investito in totale 2,8 miliardi di euro, soprattutto nei suoi store e nella rete di distribuzione, nel corso dell’esercizio fiscale chiuso a fine agosto.
 
L’utile di esercizio è sceso a 2,25 miliardi nel periodo, nonostante una progressione delle vendite di circa il 5% a perimetro comparabile.
 
La crescita delle vendite “non è male”, se si considera che finora Ikea è stato prevalentemente un distributore tradizionale, ha dichiarato a Reuters il Direttore Finanziario del gruppo, Juvencio Maetzu, aggiungendo che gli investimenti nell’esercizio in corso saranno ancora più elevati, per poi stabilizzarsi l’anno prossimo.
 
Gli utili dei prossimi due anni saranno pressoché identici, con l’aumento delle vendite che compenserà quello degli investimenti, ha spiegato il manager.
 
Nell’esercizio chiuso a fine agosto, le vendite online sono balzate di quasi il 50%. I 14 nuovi centri di distribuzione destinati all’e-commerce hanno rappresentato una parte importante degli investimenti, ha precisato Juvencio Maetzu.
 
Ikea deve far fronte a una concorrenza sempre maggiore. Da un lato, i distributori online di mobili, come la tedesca Home24 e Wayfair negli Stati Uniti, si stanno sviluppando; dall’altro, la distribuzione generalista, dai siti come Amazon ai grandi magazzini tradizionali, si stanno lanciando nell’arredamento.
 
I negozi Ikea appartengono a 11 franchisee; il più importante di questi, Ikea Group, ne deteneva 367 a fine agosto.

© Thomson Reuters 2023 All rights reserved.