×
1 498
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
STUDIO RENÉ ALBA
E-Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
PALOROSA SRL
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HUMANA PEOPLE TO PEOPLE
Unit Manager Retail
Tempo Indeterminato · ROMA
Di
AFP
Pubblicato il
17 dic 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

I vestiti saranno messi in vendita immediatamente dopo le sfilate in un prossimo futuro?

Di
AFP
Pubblicato il
17 dic 2015

Il Council of Fashion Designers of America (CFDA), organo di rappresentanza della moda negli Stati Uniti, s'interroga sulla possibilità di mettere in vendita i vestiti immediatamente dopo le sfilate, e non più sei mesi dopo come avviene oggi.


Il CFDA ha affidato allo studio di consulenza Boston Consulting Group (BCG) l'incarico di compiere una riflessione, che dovrebbe portare a formulare delle proposte concrete nel prossimo mese di febbraio, indica un comunicato pubblicato martedì scorso.

"Gli stilisti, i distributori e gli imprenditori s'interrogano da un po' di tempo a questa parte su quanto sia vantaggioso mantenere la settimana della moda nella sua forma attuale", ha dichiarato Steven Kolb, CEO del CFDA, citato nel comunicato.

Fra le tracce strategiche proposte al BCG, c'è quella di organizzare le sfilate come un grande show, quegli “spettacoli” che costituiscono oggi l'ossatura della Fashion Week, anche per il pubblico di massa e solamente una volta che gli articoli siano disponibili per la vendita.

Le collezioni presentate sarebbero dunque della stagione in corso, e non più scalate sistematicamente fra l'autunno-inverno e la primavera-estate come avviene attualmente.

Sempre secondo questo scenario, il settore manterrebbe una presentazioni riservata ai professionisti, ma in formato ridotto, sei mesi prima della messa in vendita dei modelli.

Il CFDA intende oggi "rimettere in sesto quello che molti esperti del settore considerano un sistema non più funzionante, fonte di confusione per i consumatori".

In effetti, le sfilate non sono mai state oggetto di molta attenzione da parte del pubblico, che si appassiona per le nuove collezioni sui social network, ma che non può ancora trovare nei negozi ciò che ha ammirato sulle passerelle.

Il CFDA ricorda che molti stilisti hanno già fatto dei tentativi per dare una scossa ai rigidi codici dell'industria del settore.

Lunedì, la stilista americana Rebecca Minkoff ha annunciato che presenterà, alla prossima Fashion Week di New York, in febbraio, dei capi che saranno disponibili, al più tardi, entro i 45 giorni seguenti.

Lo stilista thailandese-statunitense Thakoon Panichgul ha invece rinunciato al principio delle sfilate per privilegiare ormai un modello detto "real-time fashion", che fa corrispondere la comunicazione mediatica con i vestiti effettivamente disponibili per la vendita.

Quanto all'apertura delle sfilate al grande pubblico, questa tendenza ha cominciato a prendere corpo nel corso dell'ultima Fashion Week di New York.

Il défilé più trendy della settimana, quello della firma francese Givenchy, è stato infatti aperto a 800 non-professionisti del settore, estraendo i loro nomi a sorte.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.