×
1 212
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 feb 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

I prodotti di lusso invenduti cercano una nuova vita

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 feb 2022

La loro svendita è fuori discussione e la loro distruzione ormai è vietata: tra gestione millimetrica delle scorte, vendita al personale, donazioni e riciclo, i marchi del lusso si organizzano per vendere gli eventuali prodotti invenduti.


“Sono due anni che sono in corso delle grandi manovre”, in previsione dell'entrata in vigore della legge anti-spreco che, da un mese, vieta la distruzione dei prodotti invenduti, spiega all'agenzia francese AFP l’esperta di lusso Julie El Ghouzzi, dell’agenzia di consulting Cultz.
 
“È un argomento che è diventato importante oggi”, aggiunge, ricordando lo scandalo Burberry del 2018. Nel suo report annuale, il brand britannico rivelò che nel 2017 aveva distrutto più di 28 milioni di sterline di merci per proteggere l’esclusività del proprio marchio, ovvero l'equivalente di 20.000 dei suoi iconici trench. Dopo il trambusto che questo annuncio aveva suscitato, il marchio inglese aveva annunciato che avrebbe posto fine a queste pratiche l'anno successivo.

Le griffe del lusso ora sono “estremamente attente”, conferma all’AFP Arnaud Cadart, portfolio manager di Flornoy, “le mentalità sono cambiate, non siamo più in un'economia che dà la preminenza alla creazione sfrenata”, né che sopporta più l'idea del “non importano gli scarti, e se qualcosa non funziona lo distruggiamo”.
 
Perché nel lusso non si svende. I saldi possono porre “un problema di desiderabilità”, secondo Julie El Ghouzzi. “Nel lusso, se un bene costa meno, c'è meno voglia di comprarlo”.
 
In questo contesto, il primo passo da compiere è una rigorosa gestione dell'inventario. Kering, proprietario di marchi come Gucci, Saint Laurent o Balenciaga, indica che sta investendo a questo scopo “in tecnologie di intelligenza artificiale”.
 
Dal suo concorrente LVMH (Vuitton, Dior, Celine...), Hélène Valade, direttrice dello sviluppo ambientale, afferma che “il modello del lusso è (già) molto adeguato alla domanda”, con pochi stock. Tuttavia, ammette che la legge anti-spreco in Francia rende necessario conoscere ancora meglio i clienti per adeguare la domanda.
 
Julie El Ghouzzi sottolinea da parte sua che Louis Vuitton, il marchio di punta di LVMH, è particolarmente efficiente in questo campo: “Sanno esattamente cosa hanno in stock e sono in grado di gestire le loro scorte al millimetro”. E “non è così in molte altre maison”, sottolinea.
 
Quando, nonostante tutto, dell'invenduto rimane, vendere a prezzi vantaggiosi al proprio personale è una soluzione: è successo a 150.000 dipendenti di LVMH, 38.000 di Kering, 16.600 di Hermès. Oltre alle donazioni ad associazioni: LVMH ha una partnership con Cravate Solidaire, la sua maison Kenzo con Tissons la solidarité, Marc Jacobs a New York con l'associazione Fabscrap...
 
“Tessuti dormienti”
 
E poi c'è il riciclo dei prodotti in nuove materie prime. “In precedenza, un designer che aveva un'idea straordinaria doveva andare a cercare le risorse per realizzarla”, spiega Hélène Valade all’AFP. “Oggi il processo è a volte invertito: ci sono alcuni designer che partono da materiali esistenti (vecchie collezioni, tessuti dormienti nelle giacenze delle case di moda, scampoli di pelle...) e sviluppano la loro idea geniale”, si entusiasma. Un po’ come ha fatto Virgil Abloh da Vuitton.
 
LVMH ha inoltre siglato una partnership con WeTurn, start-up specializzata nel recupero di fibre, per la produzione di nuove bobine di filo. Da Kering, Balenciaga e Saint Laurent - per le scarpe - o anche da Alexander McQueen hanno sviluppato progetti con Revalorem, azienda che ricicla articoli invenduti dell'industria del lusso per produrre materie prime. Nel 2020 Hermès ha commercializzato 39.000 prodotti frutto di un approccio di “upcycling”.
 
“Le attività che distruggono di più sono la moda, la pelletteria e la cosmetica”, spiega Arnaud Cadart. Ma oggi la loro ottima salute si traduce più in esaurimenti delle scorte che in eccedenze. “Dal 2014 Hermès non ha praticamente avuto nulla da buttare via, tutto sta andando bene”, secondo Arnaud Cadart.
 
Da LVMH, Hélène Valade conferma che “al momento, gli articoli in pelle sono più che altro esauriti”, citando come esempio una borsa del marchio Loewe, creata a partire da scarti di pelle dei laboratori del marchio spagnolo. E questo, nonostante un prezzo di vendita al pubblico di 1.700 euro.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.