×
1 087
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters
Pubblicato il
3 lug 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

I marchi straneri fanno fatica a imporsi in Cina

Di
Reuters
Pubblicato il
3 lug 2014

I marchi stranieri stentano ad affermarsi nel settore dei beni di consumo in Cina, dove si trovano ad affrontare l'agguerrita concorrenza dei loro competitor locali. Lo mostra uno studio appena pubblicato, secondo il quale circa il 60% delle aziende straniere ha perso quote di mercato.

Foto: Reuters


L'indagine, realizzata da Bain & Company e Kantar Worldpanel presso 40.000 famiglie, sottolinea che i produttori stranieri di prodotti cosmetici e dermatologici e quelli di spazzolini da denti hanno perso il 5% di quote di mercato in Cina nel 2013, mentre i loro concorrenti cinesi sono cresciuti.

Sul versante delle bibite, del latte artificiale per neonati e dei prodotti per la pulizia della casa, i produttori stranieri hanno ceduto fra l'1 e il 3% di quote di mercato nel 2013 nella seconda economia del mondo.

Lo studio non dà spiegazioni dettagliate, ma fornisce molti esempi. Nel settore delle bevande non alcoliche, il colosso cinese Hangzhou Wahaha Group ha visto crescere del 3,8% la sua fetta di mercato l'anno scorso, grazie anche a una vasta campagna pubblicitaria e al lancio di nuovi prodotti. In compenso, quella delle aziende straniere si è ridotta del 6,3%.

Al contrario, i produttori esteri di shampoo e dolci possono festeggiare. La tedesca Henkel, che possiede il marchio Schwarzkopf, ha ottenuto un aumento della sua quota di mercato dell'1,2% e il marchio di dolciumi Chips Ahoy!, di Mondelez International, ha guadagnato lo 0,3% di quota di mercato.

Per effettuare questa indagine, sono state esaminate 106 categorie di beni di consumo, che rappresentano più dell'80% del mercato cinese. Dalla ricerca emerge che i consumatori cinesi sono i più propensi ad acquistare sul web dai loro smartphone e dai loro computer, in una Cina che è il più grande mercato del mondo per la distribuzione on-line.

Nel 2013, le vendite on-line dei prodotti monitorati dall'indagine sono cresciute del 42%, incrementate in modo particolare dai prodotti di bellezza e da quelli per i bimbi. Il dinamismo dell'e-commerce ha dirottato i consumatori dai negozi fisici, si può leggere nello studio, ma gli acquisti di beni di consumo nei negozi rappresentano ancora il 97% delle vendite totali in Cina.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.