×
1 401
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 ott 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

I marchi sportivi praticano sconti più aggressivi in Europa che negli Stati Uniti

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 ott 2022

Mentre, per far fronte all'inflazione, i consumatori contraggono le spese per l'abbigliamento, i distributori del settore attivano la leva delle promozioni per attirare clienti e liberarsi delle scorte rimaste. L'analista Retviews by Lectra ha analizzato le pratiche di sconto condotte online dai principali marchi e rivenditori, su ogni lato dell'Atlantico. Nel reparto degli articoli sportivi, sembra che i player del settore abbiano premuto seriamente sull'acceleratore degli sconti: in un anno la percentuale media di sconto applicata agli articoli in promozione è aumentata del 27% in Europa e dell'11% negli Stati Uniti.

Puma


Parallelamente è aumentata anche la quota di prodotti messi in promozione, di circa un +8% in Europa e di un +13% negli Stati Uniti. Su entrambi i mercati, la categoria con gli sconti più bassi è quella delle sneakers, con una media di circa il -30% applicata al prezzo base. Un prodotto di punta che rimane estremamente apprezzato, dunque.

Le felpe e i capispalla (parka, giubbotti, ecc.) sono stati invece gli articoli che hanno subito più sconti alla fine della stagione estiva, sia negli Stati Uniti che in Europa. Con una differenza: il mercato europeo ha messo in promozione molti più articoli (oltre il 50% delle felpe) rispetto agli States (circa il 40% delle felpe).

A sinistra, il tasso medio di ribasso praticato e a destra la percentuale di articoli posti in promozione - Retviews by Lectra


D'altra parte, Retviews ha osservato che negli Stati Uniti la maggior parte dei marchi segue strategie di sconto simili, ad eccezione di Under Armour. L'etichetta americana ha scelto di effettuare sconti molto aggressivi su una piccola selezione di articoli: “La percentuale di sconto medio del marchio era del 45% superiore alla percentuale media di mercato, con il 28% in meno di articoli messi in promozione”, afferma lo studio.

Nel Vecchio Continente è Puma a spiccare, con sconti molto pronunciati rispetto ai competitor, “con un tasso di sconto medio e una quota di articoli promossi che sono rispettivamente del 6% e del 27% superiori alla media di mercato”, ha misurato l'analista. Segno che le collezioni del Felino non hanno incontrato abbastanza i gusti del loro pubblico?

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.