×
1 229
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
7 feb 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

I marchi possono combattere gli NFT non autorizzati?

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
7 feb 2022

Di fronte alla crescente popolarità degli NFT - i file digitali venduti come token crittografici unici, non reciprocamente intercambiabili, che rappresentano l'atto di proprietà e il certificato di autenticità scritto su blockchain di un bene unico (digitale o fisico) - marchi e artisti stanno battagliando per difendere i loro diritti, tra problemi di copyright e violazioni del diritto d’autore, con in gioco colossali somme di denaro.

La boutique Forever 21 Shop City, nel metaverso Roblox - Forever 21


Furioso per la commercializzazione senza permesso di NFT delle sneakers Nike, il brand americano ha sporto denuncia la scorsa settimana a New York contro la piattaforma di trading online StockX, chiedendole il risarcimento dei danni.
 
Il mese scorso, il gruppo del lusso Hermès ha citato in giudizio l'artista Mason Rothschild, che ha messo all'asta 100 “MetaBirkins”, NFT recanti l'immagine della famosa borsa iconica della maison francese, raccogliendo decine di migliaia di dollari.

Questi contenziosi possono avere successo?
 
In questa fase è ancora difficile sapere se i marchi potranno vincere tale battaglia, in particolare nel caso di Hermès, ritiene l'avvocato Annabelle Gauberti, specializzata nel settore delle industrie creative.
 
Per difendere le sue “MetaBirkins”, Mason Rothschild si affida al primo emendamento alla Costituzione americana, che garantisce la libertà di espressione e protegge gli artisti davanti ai tribunali del Paese.
 
L'argomento del “fair use”, che concede eccezioni al diritto d'autore nel caso di una parodia, ad esempio, fa spesso vincere una causa davanti ai tribunali americani o britannici, aggiunge Annabelle Gauberti.
 
La quale tuttavia ritiene che il signor Rothschild avrà difficoltà a convincere un giudice del merito artistico del suo lavoro. “Il messaggio che veicola non è evidentemente comprensibile, al di là del desiderio di raccogliere ingenti somme di denaro. Il suo team legale avrà molto lavoro da fare”, scherza.
 
La disputa che oppone Nike e StockX si presenta come una più classica controversia commerciale, visto che la piattaforma di e-commerce non ha mai affermato che i suoi NFT fossero opere d'arte. Resta da vedere come il diritto dei marchi possa essere trasposto in un universo digitale.
 
Quale regime per gli NFT?
 
In una risposta a Hermès pubblicata su Twitter, Rothschild paragona le sue “MetaBirkins” al famoso dipinto di Andy Warhol delle lattine di zuppa Campbell.
 
“Il fatto che io venda arte usando NFT non cambia il fatto che si tratti di arte”, si è difeso.
 
Edward Lee, che dirige un programma sulla proprietà intellettuale presso la Chicago-Kent Law School, non è d'accordo con questo paragone. In un articolo pubblicato su Bloomberg Law, questi spiega che il brand Campbell non aveva mai espresso il desiderio di iniziare a vendere opere d'arte, mentre Hermès potrebbe benissimo decidere un giorno di creare i propri NFT.
 
Il fatto che nessuna opera materiale venga scambiata durante le transazioni di questi “Token Non Fungibili” complica ulteriormente le possibilità di regolamentazione.
 
“Molte persone immaginano che il contenuto degli NFT sia all'interno di un token - ma non è così, e per questo non c'è nessun divieto di riproduzione”, sottolinea Primavera De Filippi, coautrice del libro “La blockchain e la legge”, dalle colonne del magazine Business of Fashion.
 
I marchi possono proteggersi?
 
Hermès ha chiesto all'artista Mason Rothschild di distruggere i suoi “MetaBirkins”, che la piattaforma NFT OpenSea ha accettato di ritirare dalla vendita.
 
“Anche se i marchi vincessero le loro cause, come farebbero a citare in giudizio un consumatore che ha già acquistato un NFT, o impedirgli di rivenderlo all'asta? In termini di applicazione pratica, il digitale è un Far West”, ricorda Gauberti.
 
Secondo lei, i brand dovrebbero reagire creando i propri NFT ufficiali. Questo è ciò che ha fatto Nike con l'acquisizione di RTFKT a dicembre, azienda specializzata nel design di sneakers virtuali.
 
“La miglior difesa è l’attacco”, osserva Gauberti. “Ma per il momento, questi marchi sono ancora timorosi [all'idea di creare i loro NFT], perché il loro core business rimangono i prodotti materiali, e stanno ancora alla finestra, ad osservare se il metaverso decollerà davvero”.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.

Tags :
Moda
Altro
media