×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

I calzaturieri guardano alla finanza

Pubblicato il
today 21 mag 2012
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il settore della calzatura, che ha mostrato la sua solidità nonostante la crisi, prosegue la sua ristrutturazione riorganizzando logistica e produzione e guardando sempre di più verso i mercati esteri. In quest’ottica, il supporto da parte del mondo della finanza appare sempre di più come uno strumento necessario per crescere. Per venire incontro a quest’esigenza, l’Anci (Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani) ha organizzato lunedì presso la Borsa di Milano un incontro tra le sue imprese e diversi attori della finanza in occasione della presentazione del rapporto “Shoe report- finanza” a cura di Nadio Delai Ermaneia- Studi & Strategia di sistema.


Calzature Tod's - Foto Adnkronos

“Gli imprenditori oggi hanno bisogno di capire gli strumenti finanziari a loro disposizione perché tali strumenti sono sempre più essenziali nella vita dell’impresa. D’altro canto il mondo della finanza deve avvicinarsi sempre di più al mondo delle imprese calzaturiere e al nostro settore che ha peculiarità specifiche, produce prodotti ma vende oggetti del desiderio e, pur in un momento di grande crisi internazionale, mantiene una struttura profondamente sana,” riassume Cleto Sagripanti, presidente di ANCI.

Questo studio conferma innanzitutto la solidità di fondo del sistema malgrado la crisi, che è costituito da 5.600 aziende e 81.000 addetti (in lieve aumento nel 2011) e ha visto aumentare la dimensione media delle imprese. Quanto alla produzione nazionale di calzature è in calo nel medio periodo, anche se nel 2011 è risalita a 207,4 milioni di paia di scarpe. Il prezzo medio è cresciuto fino a 34,2 euro, così come è salito l'export (+12,7% nel solo 2011) con un saldo commerciale positivo (+16,4% nel 2011). Si stima che più dell’80% di ciò che si produce in Italia viene esportato, in particolare verso Russia, Cina e Corea.

Nel rapporto si sottolinea soprattutto come vi sia in atto una metabolizzazione “attiva” della crisi che ha dato sinora buoni risultati medi: le imprese che non subiscono passivamente la crisi sono state capaci di uscirne, guardando a nuove strategie produttive, commerciali e organizzative. Questo processo di “mutazione” in corso delle aziende libera nuove energie, ma non può evitare di differenziare le aziende più reattive rispetto a quelle meno reattive, secondo una logica di polarizzazione.

Sulla base di questa analisi emergono tra le 25 e le 80 imprese sulle 400 più attive, a seconda delle diverse proiezioni, che potrebbero approfittare di strumenti finanziari per la crescita e rappresentare nel contempo investimenti interessanti per il sistema finanziario. “Il futuro è da costruire insieme. Per crescere ci vuole capitale di rischio e gli operatori di private equity, che sono molto interessati dal settore Made in Itlay sono pronti ad intervenire”, sostiene Giampio Bracchi, presidente di Aifi, associazione italiana del private equity e venture capital, che ricorda come dal 2007 al 2011 le società d’investimento hanno orientato un terzo dei loro investimenti verso delle imprese medio - piccole con fatturati dai 10 ai 100 milioni di euro.

“Il settore della calzatura Made in Italy piace al mercato, però oggi gli analisti finanziari non si fidano più solo della crescita ma guardano ai margini, all’utile netto”, avverte Paola Durante, managing director presso BofA Merrill Lynch che conclude “le valutazioni del mercato sono correlate alla crescita ma anche tantissimo al posizionamento”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.