Hyères 2018 all'insegna dell'emancipazione femminile

Una volta tutte le strade portavano a Roma. Questo fine settimana, tutto l'universo della moda convergeva su Hyères. Dove, nell'epoca della crescente emancipazione della donna, si è assistito a una fioritura del talento femminile in tutte e tre le discipline del festival: Moda, Accessori e Fotografia.

Al centro, i vincitori del premio Moda, Rushemy Botter e Lisi Herrebrugh, applauditi da Haider Ackermann - FashionNetwork.com ph DM

Le donne hanno raccolto praticamente ogni premio, dagli Accessori alla Moda. È vero che il Grand Prix du Jury per la moda è andato a una collezione uomo, realizzata da un team co-ed olandese di designer: Rushemy Botter e Lisi Herrebrugh. Ma Botter era l'unico ragazzo tra i 14 vincitori finali.
 
Ad ogni modo, le donne hanno regnato, e in Francia, dove i valori repubblicani di rigoroso egualitarismo rimangono sacri, questo è avvenuto senza alcuna discriminazione da parte degli organizzatori.
 
"È successo per caso. Ma siamo molto contenti che sia successo così. Mostra la libertà del nostro festival e il modo in cui le sue porte sono sempre aperte a tutto il mondo ", ha affermato Jean-Pierre Blanc, il gentleman barbuto che ha inventato il Festival di Hyères, lo ha fondato e guida ancora questo melting pot unico.
 
È anche un festival con radici sempre più profonde nella comunità, dove diverse migliaia di persone locali hanno riempito le 10 sfilate finali per tre notti consecutive, all'interno del Salins des Pesquiers, un grande magazzino sulle pianure della penisola di Giens.

Julia Dessirier, Flora Fixy e Kate Fichard, vincitrici del premio Accessori - FashionNetwork.com ph DM

"Per me, la cerimonia di apertura è stata una vera attrazione. Vedere un numero così enorme di persone - professionisti eccezionali, designer brillanti e grandi creativi che si mescolano con centinaia di locali - ha dimostrato quanto il festival significhi per così tanta gente ", ha affermato Blanc.
 
Ed essendo la Francia, è stato anche il momento di un significativo momento intellettuale. Non c'è da stupirsi che l'ex ministro della Cultura Audrey Azoulay si sia presentato. E che la Fédération de la Haute Couture et de la Mode (FHCM) abbia organizzato una serie di dibattiti serrati, che spaziavano da una discussione sul futuro della vendita al dettaglio “dopo” Colette, all'influenza dell'intelligenza artificiale sulla moda. Trattandosi della Francia, la discussione è potuta essere profonda, con il Presidente della Fédération Pascal Morand che ha sostenuto come le origini dell'IA possano essere ricondotte al periodo interbellico viennese, quando gli intellettuali austriaci, sullo sfondo del crescente totalitarismo, indagavano le verità scentifica.
 
"Il senso della creazione rimane quello di sfuggire alla prigionia del passato", ha affermato Morand, riassumendo efficacemente l'edizione di Hyères di quest'anno. E che Hyères rappresenta, assegnando titoli a talenti nascenti che sono diventati delle star della moda - come Anthony Vaccarello e Viktor & Rolf.
 
Quando si parla di annate buone per vini pregiati, i francesi usano il termine millésieme, e questa è stata sicuramente un'annata senza precedenti.
 
Fondato nel 1985, il festival ha avuto alti e bassi, mentre Blanc ha combattuto coraggiosamente per trovare gli sponsor e convincere i politici locali del ruolo che il festival e il suo centro nevralgico, la Villa de Noailles, avrebbero potuto svolgere nel rilanciare e stimolare la cultura in questa penisola storica nel punto più a Sud della Costa Azzurra. Quando lo scrittore visitò per la prima volta Villa Noailles, vent'anni fa per il suo decimo anniversario, nel 1995, la villa era in rovina. Oggi è finemente restaurata, con mostre che punteggiano ogni stanza - dal campo da squash all'ex piscina.
 
Il festival ha ricevuto un enorme incentivo per il suo trentesimo anniversario, quando Karl Lagerfeld visitò e mise in scena un epico master class, e Chanel divenne uno sponsor importante. Da quel momento, Chanel ha permesso ai vincitori di Hyères di attingere ai vari team all'interno del suo gruppo Paraffection, delle sue società di métiers d'arts come Maison Lesage (ricamo), Maison Lemarié (piume) e Massaro (stivali fatti a mano), che costituisce il più grande gruppo singolo di abilità couture sul pianeta.
 
Un altro sponsor e componente chiave è Premiere Vision, che garantisce in modo efficace che i 10 finalisti abbiano accesso alle migliori risorse all'interno della gigantesca fiera del tessuto di Parigi.
 
"Non vogliamo solo staccare un assegno di sponsorizzazione, quanto riunire davvero gli straordinari tessuti di Premiere Vision con il grande talento che Hyères continua a scoprire. E guardando i risultati in passerella, penso che ci siamo riusciti”, ha dichiarato il CEO di PV, Philippe Pasquet.
 
Soprattutto, Hyères è un mix di due famiglie parallele: la moda e la fotografia.
 
"Penso che continueremo ad attrarre un insieme speciale di persone, perché la direzione artistica del festival è generalmente molto forte e di altissimo livello. Inoltre, è su una costa unica: quattro giorni e mezzo nel Sud della Francia è un tempo lungo e piacevole", ha sorriso Blanc.

Versione italiana di Edoardo Meliado

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AccessoriCreazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER