×
1 744
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
16 feb 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Hollywood con il Met per la grande mostra sulla moda americana

Di
Ansa
Pubblicato il
16 feb 2022

Hollywood scende in campo per "Anthology of Fashion", la grande mostra di primavera con cui il Costume Institute del Met celebrerà la nascita dello stile americano. Martin Scorsese, Sofia Coppola, Regina King e Chloé Zhao sono tra i registi che aiuteranno nell'installazione producendo "vignette cinematografiche" a corredo dei circa cento capi ambientati nelle 13 sale della American Wing che ricostruiscono vere abitazioni d'epoca.

Hollywood con il Met per la grande mostra sulla moda americana


In coincidenza con la Fashion Week di New York, il curatore Andrew Bolton ha anticipato dettagli della mostra che, accompagnata dal celebre gala il primo lunedì di maggio, segnerà, nelle speranze del Met e dei newyorchesi, il ritorno al "new normal" dopo la pandemia.

La rassegna di primavera darà seguito all'altra mostra, "Lexicon", sul vocabolario della moda made in Usa, aperta in settembre, anche se "in realtà ne rappresenta il primo capitolo", ha spiegato Bolton, affiancato dal direttore del museo Max Hollein e da Anna Wintour, la madrina del gala a cui il Costume Institute è dedicato.

In tutto otto registi aiuteranno gli studiosi nell'installazione: gli altri sono Janicza Bravo, Julie Dash, Autumn de Wilde e Tom Ford, lo stilista e presidente del Council of Fashion Designers in America che tra i suoi 'cappelli' annovera anche una forte presenza come cineasta.

L'obiettivo è mostrare "narrative poco familiari filtrate attraverso l'immaginazione di alcuni dei più visionari registi americani", ha detto Bolton: "Molti protagonisti erano finora note a pie' pagina. Molte erano donne, come Ann Lowe, pronipote di schiavi e la prima afro-americana a farsi strada nella moda che divenne celebre nel 1953 per aver disegnato l'abito da sposa di Jackie Kennedy".

Tutti gli abiti in mostra vengono dalle ricche collezioni del museo e alcuni "complicano la storia del brand" come due cappotti di Brooks Brothers: uno appartenuto a Abraham Lincoln e l'altro a un cameriere schiavo di un ricco casato. Otto capi furono disegnati da Charles James, britannico del Berkshire naturalizzato negli Usa che nel secondo dopoguerra regalò alle donne americane il sogno di vestirsi come e meglio delle parigine e i cui abiti da sera "butterfly" saranno ambientati, con la regia di Scorsese, in un salotto del ventesimo secolo disegnato da Frank Lloyd Wright.

È a Ford invece che toccherà ricreare, davanti alla veduta panoramica della reggia di Versailles di John Vanderlyn, la sfilata di moda più audace della storia. La celebre "Battaglia di Versailles" nel 1973 vide cinque stilisti americani (Halston, Steven Burrows, Oscar de la Renta, Bill Blass e Anne Klein accompagnata dalla giovane assistente Donna Karan) battersi contro i colleghi francesi del tempo: Givenchy, Ungaro, Cardin, YSL e Marc Bohan per Dior. Gli americani vinsero anche grazie alla verve di Liza Minnelli, che aveva da poco vinto l'Oscar per Cabaret e aprì e chiuse la passerella a stelle e strisce accompagnata da dieci ballerine di Broadway. E c'è chi dice che fu allora che la moda "made in Usa" si fece davvero conoscere come fenomeno di livello internazionale.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Moda
Altro
Eventi