×
1 675
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Group Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Export Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PINKO
HR Cost Controller & Hris
Tempo Indeterminato · FIDENZA
BETTY BLUE S.P.A.
Impiegato/a Back Office Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Merchandising Manager - Abbigliamento e Calzature - Padova
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Export Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · TREVISO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
24 feb 2021
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Herno Globe ribadisce la sua anima green

Pubblicato il
24 feb 2021

La label Globe, dedicata alle creazioni green del marchio novarese di capispalla Herno, torna per l’Autunno-Inverno 2021/22 con capi realizzati grazie a 7 materiali speciali.

Herno Globe, ‘Fast5Degradable’, Autunno-Inverno 2021/22 - Herno


Il brand, ideato per essere il contenitore che racchiude tutti i progetti ecosostenibili all'interno della collezione principale di Herno, racconta nella sua ultima collezione l’atmosfera urban-chic e molto verde delle cittadine sulle sponde del lago Maggiore, come Stresa e Laveno.

“La sostenibilità deve diventare la normalità, non più solo 'un tema', e per fare questo dobbiamo svilupparla sia nell’estetica – perché un prodotto sostenibile deve avere le stesse caratteristiche di bellezza di un capo che sostenibile non è –  che nel momento dell’acquisto, con un corretto bilanciamento qualità/prezzo”, ha affermato Claudio Marenzi, presidente del gruppo piemontese. “La collezione abbiamo voluto renderla il più fashion e glamour possibile, ma con un prezzo molto equilibrato, e ci sta dando un ottimo riscontro, con maggior interesse soprattutto sul fronte europeo, dove la sostenibilità è un tema molto sentito”.

Quali sono allora i sette progetti di tessuti lavorati che stanno alla base dell’AI 2021/22 di Herno Globe? Il primo è ‘Fast5Degradable’, il nylon creato dal filato di poliammide 6.6 Amni Soul Eco che nella versione 20 Denari è dallo scorso anno un’esclusiva internazionale Herno. Dopo che arriva in discarica, il processo di degradazione anaerobico completo avviene in soli 5 anni rispetto ai 50 del comune nylon, decomponendosi in materia organica e biogas che contribuiscono a fornire nuove risorse per l'ambiente. I modelli sono un bomber con cappuccio, un gilet e un A-shape, tutti imbottiti in piuma e completamente biodegradabili, accessori inclusi. 

Il secondo è ‘Regenerated Nylon – Econyl’, nylon riciclato sostenibile 40 denari. Il tessuto è prodotto con filo di nylon riciclato pre e post consumo partendo dalle reti da pesca recuperate dai mari del mondo non più utilizzabili e dai tappeti destinati alla discarica. L’imbottitura di tutti i modelli deriva da piuma rigenerata ricavata da duvet dismessi. Nella selezione due modelli, un maxi cappotto e un bomber cocoon, con inserti in Animal Friendly Wool. 

Il terzo, ‘Recycled Nylon Satin’, è un nylon 100% riciclato e derivato dagli scarti di produzione tessile e da tappeti dismessi. Due i piumini della selezione, uno corto e uno lungo, entrambi caratterizzati da un avvolgente collo a cratere. 

Herno Globe, 'Sustainable Wool', Autunno-Inverno 2021/22 - Herno


C’è poi ‘Dye-Free Wool’, 100% lana merino biologica in colorazione originale, priva di tinture aggiunte. Due i cappotti, uno maschile e dal fit rilassato ed uno con collo a cratere e manica 3⁄4. 

Il quinto è ‘Sustainable Wool’, una lana Made in Italy riciclata al 100%, risultato di un processo all’avanguardia di maglieria pre e post consumo, senza l’utilizzo di sostanze chimiche. I modelli sono due: un classico cappotto chiuso da zip e un modello a vestaglia con cappuccio.

Il sesto tessuto è ‘Organic Boiled Wool’, lana biologica certificata GOTS (Global Organic Textile Standard) e basata su un sistema di agricoltura che mantiene e ripristina la fertilità del suolo senza l'uso di pesticidi tossici e persistenti o fertilizzanti sintetici ed include anche gli standard di benessere per la zootecnia e vieta gli organismi geneticamente modificati. I modelli sviluppati sono un cappotto minimal e uno dalla linea oversize. 

Infine, ‘Animal Friendly Wool’, lana da allevamenti amichevoli con gli animali e certificata Mulesing-Free ovvero proveniente da pecore a cui non viene eseguita una procedura chirurgica di routine (Mulesing) atta a creare un’area di pelle nuda e tesa per impedire il decesso delle pecore causato da infezioni da insetti. Di questa lana sono due le proposte: una versione lurex per le due iconiche cappe, e una a manica lunga o corta, variante bouclè check invece per il classico cappotto maschile e per il caban con cappuccio e bordi in maglia.

Herno, che produce anche la label Laminar, collezione di urban-sportswear tecno-sartoriale, ha lanciato su scala globale l’e-commerce in collaborazione con The Level Group e inaugurato due boutique in Cina e una a Venezia a fine 2020, arrivando a contare 11 monomarca su strada, 12 shop-in-shop e 63 corner. “Siamo pronti a cogliere le occasioni che potranno capitare, soprattutto con pop-up e temporary store e in particolare nell’area asiatica, ma sicuramente non ci saranno nuove aperture di negozi monobrand nell'immediato futuro’”, rivela Marenzi.

Herno Globe, 'Animal Friendly Wool', Autunno-Inverno 2021/22 - Herno


Il fatturato consolidato 2019 del gruppo Herno era stato di 129,5 milioni di euro e il 2020 si è chiuso con una flessione del 13%, precisa l’imprenditore, un risultato tutto sommato positivo nell'anno della pandemia da Covid-19 che ha bloccato buona parte del mondo e delle sue aziende negli ultimi 10 mesi.
 
"Torneremo alla normalità, ma ci vorrà ancora del tempo. Nel frattempo ci sono da sfruttare sicuramente le opportunità dell'online, ma anche il mercato di prossimità, dei negozi di provincia, per esempio”. A questo proposito Marenzi ha aggiunto l’esempio degli ottimi sell-out registrati da Herno nel commercio fisico in Russia, perché “i consumatori che non sono venuti in Europa hanno comprato di più sul loro territorio”.

“Vedo un 2021 molto simile al 2020, ma a semestri inversi”, ha concluso l'imprenditore. “Nel 2020 abbiamo avuto un ottimo inizio di anno, una seconda parte del semestre tragica con lo scoppio del covid, un recupero tra settembre e ottobre e poi il disastro finale. L’inizio 2021 è stato terribile, ma dal secondo semestre in poi le cose dovrebbero andare meglio”.

Fondato nel 1948 a Lesa (NO) dal padre di Claudio Marenzi, Herno ottiene oltre il 70% dei ricavi dai mercati esteri, ha 180 dipendenti nella sede di Lesa e 800 collaboratori nella produzione distaccata in Sicilia, in cui vengono confezionati i suoi cashmere double.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.