×
1 311
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Hermès prevede un secondo trimestre “fortemente impattato”, ma resta “fiducioso”

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 apr 2020

Le vendite di Hermès saranno “fortemente impattate” nel secondo trimestre dall’epidemia di Covid-19, ma il sellaio-pellettiere francese resta “fiducioso” sulla sua “resilienza” e annuncia trend favorevoli nella Cina continentale, dove ha riaperto i negozi.

Hermès subisce l'impatto della crisi legata al Covid-19 nel secondo trimestre - Hermès


Giovedì, il gruppo ha reso noto di ver registrato un fatturato di 1,5 miliardi di euro nei primi tre mesi dell’anno, in discesa del 6,5% a dati pubblicati e del 7,7% in cifre organiche.
 
“Dopo un mese di gennaio molto dinamico in tutte le regioni del globo, l’inizio del 2020 è stato segnato da una crisi sanitaria la cui ampiezza, durata ed estensione geografica sono senza precedenti”, sottolinea Hermès nel proprio comunicato.

Tutte le aree geografiche sono state interessate: in particolare, in Asia (Giappone escluso), le vendite sono scese del 9% nel trimestre.
 
Diversi Paesi di quell'area stanno vivendo una seconda ondata di chiusure di negozi in seguito a misure governative, come Singapore, l'Australia e la Thailandia, dall’inizio di aprile, puntualizza Hermès.
 
Ma le sue boutique nella Cina continentale, mercato cruciale, hanno riaperto gradualmente a marzo, e quelle di Hong Kong e Macao “hanno ritrovato presenze ridotte, a causa delle misure di controllo delle frontiere”.
 
“Abbiamo un trend positivo nella Cina continentale, con una crescita in doppia cifra”, dalla riapertura dei negozi, ha precisato il PDG Axel Dumas durante una conferenza telefonica.
 
Quanto al Giappone, che ha mentenuto le proprie vendite su un piccolo aumento dell’1% nel primo trimestre, la maggior parte dei negozi è stata comunque gradualmente chiusa dalla fine di marzo, a seguito dell'annuncio dello stato di emergenza da parte del governo giapponese.
 
L'anno scorso, Hermès ha realizzato il 51% del suo fatturato in Asia-Pacifico, Giappone compreso, contro il 18% nell’area delle Americhe e il 17% in Europa (Francia esclusa).
 
Giovedì, il gruppo ha stimato che l'evoluzione della pandemia e le misure decretate da ogni Stato “non consentono in questa fase di prevedere le date di riapertura dei negozi” e che “di conseguenza”, le sue vendite del secondo trimestre “saranno fortemente influenzate dalle chiusure di una parte significativa della rete”.
 
“Siamo cauti perché nel secondo trimestre molti negozi rimarranno chiusi. Ma rimango fiducioso e ottimista ", ha detto Axel Dumas.
 
Hermès indica che “grazie alla sua solida struttura finanziaria” ha mantenuto attivi gli investimenti strategici, “sia nelle capacità produttive che nella rete di distribuzione, al fine di preparare la ripresa nelle migliori condizioni, controllando nel contempo i costi”.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.