×
875
Fashion Jobs
THUN SPA
Regional Manager DACH Area
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER GROUP
Responsabile Avanzamento Produzione Tessile
Tempo Indeterminato · VARESE
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Wholesale Operations Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale - Premium Fashion Brand
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Impiegato di Magazzino App. Categorie Protette
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
jr Financial Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MALIPARMI
Responsabile Amministrativo ed Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
CONFIDENTIAL
Impiegato Ufficio Acquisti Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
District Manager Veneto
Tempo Indeterminato · VERONA
INTIMAMEDIAGROUP
International Sales & Marketing
Tempo Indeterminato · CORSICO
GIOVANNI RASPINI
Retail Controller
Tempo Indeterminato · AREZZO
CONFIDENZIALE
Responsabile Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
RETAIL SEARCH SRL
Sales Account Piemonte Liguria
Tempo Indeterminato · CUNEO
UB INTERNATIONAL SAGL
Head of Retail/Retail Director
Tempo Indeterminato · LANDQUART
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Brand Communication Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Project Manager Security Systems - Consultancy Contract
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Production Director
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Junior Export Area Manager - Calzature
Tempo Indeterminato · PADOVA

H&M ha rotto con un fornitore cinese per le accuse di “lavoro forzato” degli uiguri

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
16 set 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il gigante svedese del prêt-à-porter Hennes & Mauritz (H&M) ha annunciato martedì che avrebbe interrotto ogni rapporto con un produttore cinese di filati in ragione delle accuse di “lavoro forzato” che la popolazione degli uiguri sarebbe costretta a svolgere nella provincia cinese dello Xinjiang.

H&M ha appena lanciato una collezione di 31 pezzi di prêt-à-porter e accessori,ispirata allo streetwear anni '90, creata col marchio inglese di cappelli e abbigliamento Kangol - H&M x Kangol


Il dettagliante scandinavo ha precisato che non lavora con nessun produttore di abbigliamento nella zona e che ormai non acquisterà più cotone proveniente dallo Xinjiang, che è la più grande area di produzione di cotone della Cina.
 
Un rapporto del think tank Australian Strategic Police Institute (ASPI), pubblicato in marzo, indicava H&M come uno dei beneficiari del programma di lavoro forzato tramite il suo rapporto con il produttore di filati tinti Huafu, che possiede una fabbrica nella provincia di Anhui (est della Cina).

H&M ha assicurato in un comunicato di non avere alcun rapporto con questa fabbrica nell'Anhui, né con le attività di Huafu nello Xinjiang.
 
Però il gruppo svedese ha ammesso di avere un “rapporto commerciale indiretto con un mulino” situato a Shangyu, nella provincia dello Zhejiang (sud della Cina), appartenente a Huafu Fashion.
 
“Anche se non vi è alcun segnale di lavoro forzato in questo mulino di Shangyu, abbiamo deciso, in attesa di ulteriori informazioni su queste accuse, di eliminare gradualmente tale rapporto commerciale con Huafu Fashion Co., indipendentemente dalla situazione e dalla specialità, per i prossimi 12 mesi”, ha aggiunto il gruppo, assicurando che condurrà “un'indagine in tutte le fabbriche di abbigliamento con cui lavora in Cina”.
 
Gli uiguri, musulmani e turcofoni, costituiscono il principale gruppo etnico dello Xinjiang, una vasta regione della Cina occidentale che confina con l'Afghanistan e il Pakistan.
 
I Paesi occidentali e molte organizzazioni internazionali accusano Pechino di perseguitare su larga scala gli uiguri e di aver arbitrariamente internato oltre un milione di musulmani nello Xinjiang all’interno di campi, ufficialmente di rieducazione, ma in realtà di detenzione.
 
Il governo degli Stati Uniti ha detto lunedì che bloccherà l'importazione di una serie di merci provenienti dalla regione cinese dello Xinjiang, accusando Pechino di ricorrere al “lavoro forzato” della minoranza musulmana uigura.

Copyright © 2020 AFP. Tutti i diritti riservati.