×
1 918
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Sales - Western Europe
Tempo Indeterminato · SALISBURGO
CHABERTON PROFESSIONALS
Business Development Manager - Clothing & Apparel
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Events And Special Projects Manager - Arredamento e Design
Tempo Indeterminato ·
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
Franchising & Dpt. Stores Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Collection Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
MICHAEL PAGE ITALIA
Events And Special Projects Manager - Arredamento e Design
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chain & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
CONFIDENTIEL
Regional Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
23 ott 2008
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

H&M e Zara abbinati a borse Vuitton

Di
Ansa
Pubblicato il
23 ott 2008

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Il low cost? Roba da radical chic, che si possono permettere la borsa griffata da migliaia di euro, ma non si vergognano di abbinarla ai jeans modaioli ed economici del grande magazzino.



Ne sono convinti gli esperti chiamati oggi a convegno da Assolowcost, la neonata associazione che riunisce i brand che si riconoscono nella formula 'low cost - high values', ossia 'prezzo basso e alta qualita''. Secondo i promotori dell'associazione, non sono molti, a parte gli addetti ai lavori, ad assegnare all'espressione low cost il corretto significato.

"Essa non si riferisce direttamente al prezzo del prodotto o del servizio, ma ad un modo nuovo e più efficiente di interpretare la produzione e la commercializzazione di beni e servizi, grazie al quale è possibile proporre sul mercato prezzi minori per i consumatori".

Per questo, nell'abbigliamento, che è solo uno dei settori low cost, si preferisce la dizione fast fashion, moda veloce, come quella dei giganti Zara e H&M, che fanno della rapidità del riassortimento una delle chiavi fondamentali del loro successo. Tanto che, secondo Vanni Codeluppi, docente di sociologia dell'Università di Modena e Reggio Emilia, il fast fashion è la risposta contemporanea alle esigenze del cliente, così come in passato lo sono stati prima l'alta moda e poi il pret-a-porter.

Grazie a questo passaggio "il low cost è stato socialmente sdoganato, anzi - sottolinea Antonio Achille. managing director di Boston Consulting Group - testimonia l'intelligenza della scelta rispetto alla passività del consumatore nell'era del total look. Fa radical chic - esemplifica - permettersi la borsa Vuitton e comprare i jeans da Zara, come fanno le signore della Milano bene".

Ovviamente, fenomeni come H&M "sono una spina nel fianco per molti" prosegue Achille, mentre Codeluppi sottolinea che il modello Zara "non va bene per tutti, perché non tutti si possono permettere di non fare comunicazione, contando però su una rete distributiva enorme".

Per questo Andrea Cinosi, presidente dell'associazione, prevede che il già enorme giro d'affari del settore, stimabile in 50 miliardi di euro, continuerà a crescere, ma non aumenteranno gli operatori, "visto che il modello di business è più raffinato di quello del pret-a-porter" e prevede una miglior gestione dei processi produttivi, l'utilizzo del canale e-business, una più efficiente gestione dei flussi informativi e della fornitura.

Quel che è certo è che, se fino a poco fa il mercato si orientava sia verso l'alto sia verso il basso, comprimendo la fascia di mezzo, con la recessione incipiente "sarà il più basso - prevede Achille - a vedere volumi in maggior crescita". Uno schiacchiamento che non significa per forza sacrificio, perché "il low cost, oggi - conclude Cinosi - non è solo convenienza, ma 'smart living'"

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.