H&M annuncia la fine di Cheap Monday

Il gruppo svedese H&M, che aveva comprato Cheap Monday nel 2008, ha annunciato martedì 27 novembre la chiusura del marchio entro la fine di giugno 2019. Il suo negozio di Londra, oltre che il suo sito di e-commerce, saranno entrambi chiusi il 31 dicembre.

Il marchio Cheap Monday si è fatto conoscere per i pantaloni slim - Cheap Monday

“Il settore della moda attraversa un periodo di profondo mutamento che è il risultato della digitalizzazione in corso. Nello stesso tempo, i lavori di trasformazione del gruppo H&M proseguono a ritmo serrato, con la società che sta definendo le sue priorità e si sta concentrando sul suo corebusiness. Cheap Monday ha un modello commerciale tradizionale di vendita all’ingrosso, un modello che ha dovuto affrontare grandi sfide a causa dell'evoluzione del settore. Da molto tempo esiste una tendenza negativa nelle vendite e negli utili di Cheap Monday. Il gruppo H&M ha dunque intenzione di chiudere Cheap Monday”, ha dichiarato H&M in un comunicato.
 
Il marchio svedese, con sede a Tranås e Stoccolma, impiega circa 80 persone. Il gruppo ha tenuto a precisare che accompagnerà questi dipendenti “nella transizione verso una nuova sfida dentro o fuori dal gruppo”.
 
H&M dichiara in compenso di “vedere delle belle opportunità e un grande potenziale per tutte le altre marche della sua divisione ‘New Business’, che si sviluppa in maniera positiva sia online che nella rete fisica”, secondo Anna Attemark, che dirige questo polo, il quale comprende i brand COS, Monki, & Other Stories e Arket.

La redazione con Reuters

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter DistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER