Guess chiude il 2018 con un aumento delle vendite di oltre il 10%

Guess Inc. ha pubblicato mercoledì i risultati del quarto trimestre. Il suo fatturato è aumentato del 5,7%, a 837,1 milioni di dollari (734,35 milioni di euro), contro i 792,2 milioni di dollari (694,96 milioni di euro) dello stesso periodo dello scorso anno. Gli esperti avevano puntato su 831 milioni di dollari (729 milioni di euro) per il periodo, secondo i dati di Wall Street.

Gli utili di Guess sono inferiori alle previsioni degli esperti. - Facebook: Guess

Il marchio con sede a Los Angeles ha ottenuto un utile netto di 23,2 milioni di dollari (20,35 milioni di euro) nel quarto trimestre, contro il milione di dollari (880.000 euro) di un anno fa. I profitti sono inferiori alle previsioni degli analisti. Di conseguenza, l’azione di Guess è calata del 13,5%, a 19,10 dollari (16,76 euro), dopo la chiusura della Borsa di Wall Street.
 
I ricavi del retail sui due continenti americani accusano una contrazione dello 0,7%, mentre le vendite su base comparabile guadagnano il 6% e le vendite all’ingrosso il 19,2% nel corso del trimestre. In Europa, le entrate aumentano del 4,1%, ma le vendite comparabili rimangono stabili. L’Asia è il mercato più dinamico, con ricavi in aumento del 21,7% e vendite su base comparabile in crescita del 13% nel trimestre.
 
Progressione annuale in doppia cifra
 
Sull’anno fiscale chiuso il 2 febbraio 2019, Guess vede aumentare del 10,4% il proprio reddito netto, a 2,61 miliardi di dollari (2,29 miliardi di euro), contro i 2,36 miliardi di dollari (2,07 miliardi di euro) dell’anno precedente.
 
Per regione, i ricavi delle vendite al dettaglio sui due continenti americani perdono l’1% in dollari, mentre le vendite comparabili (e-commerce compreso) guadagnano il 4%. La vendita all’ingrosso è più dinamica, con ricavi in aumento del 13,6%.
 
In Europa, le entrate aumentano del 14,4%. Le vendite su base comparabile (e-commerce compreso anche in questo caso) salgono del 5%. In Asia, i ricavi salgono del 25,7% e le vendite comparabili aumentano del 15%, afferma il gruppo.
 
L’utile netto annuale passa a 14,1 milioni di dollari (12,37 milioni di euro), contro le perdite nette per 7,9 milioni di dollari (6,93 milioni di euro) registrate l’anno prima.
 
Guess ha annunciato in gennaio di aver assunto Carlos Alberini come suo nuovo CEO, in sostituzione di Victor Herrero, a partire dal 2 febbraio. Carlos Alberini è stato presidente e direttore esecutivo di Guess dal 2000 al 2010, ma in seguito ha lasciato l’azienda per occupare il posto di co-CEO di Restoration Hardware, dove è rimasto fino al 2014. In seguito è andato a guidare Lucky Brand.
 
In un comunicato stampa, il CEO di fresca nomina si è detto “felice di essere tornato in Guess”, ricordando che l’azienda aveva ancora dei margini di crescita e necessitava di alcuni cambiamenti di strategia.
 
“Nelle prossime settimane lavorerò coi nostri team per sviluppare una visione strategica e un piano di implementazione. Applicherò dei principi essenziali per creare valore per i nostri azionisti: un grande rigore nella distribuzione e nella gestione del capitale, un approccio cauto allo sviluppo e alla distribuzione dei nostri prodotti, una visione globale per sostenere e dinamizzare le nostre attività internazionali in modo più efficace, e infine un approccio incentrato sul cliente”, riassume Carlos Alberini.
 
Per l’anno fiscale che si chiuderà il 1° febbraio del 2020, la società spera di consolidare il suo reddito netto per ottenerne un incremento dal 4 al 5%. Per il primo trimestre, si aspetta un incremento delle vendite fra il 2,5 e il 3,5%.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AccessoriDenimBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER