×
1 505
Fashion Jobs
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Di
Reuters
Pubblicato il
28 nov 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gucci, chiusa inchiesta su presunta evasione da un miliardo di euro

Di
Reuters
Pubblicato il
28 nov 2018

La procura di Milano ha chiuso l’inchiesta su una presunta evasione fiscale da circa un miliardo di euro da parte di Gucci in cui sono indagati per omessa dichiarazione dei redditi l’AD Marco Bizzarri e l’ex AD Patrizio Di Marco. Lo hanno riferito fonti a diretta conoscenza del dossier, specificando che l’atto è stato notificato alle parti nei giorni scorsi. 

Archiv


La chiusura indagini, o 415 bis, è l’atto che prelude, a meno che nei 20 giorni successivi al deposito in cancelleria non emergano fatti nuovi, alla presentazione delle richieste di rinvio a giudizio da parte della procura. Fra le ipotesi di conclusione di un procedimento di questa tipo, dopo un eventuale accordo di pagamento all’Agenzia delle Entrate, ci sono anche eventuali patteggiamenti o archiviazioni. 

La procura - al termine delle indagini condotte dal Nucleo di polizia tributaria della GdF e coordinate dal pm Stefano Civardi - sostiene che i ricavi della società della galassia Kering Luxury Goods International (LGI) che commercializza i prodotti della Guccio Gucci, e che ha sede a Cadempino nel Canton Ticino, dove ha una serie di magazzini, andassero tassati in Italia e non in Svizzera. 

L’accusa contesta l’articolo 5 del decreto legislativo 74/2000 (l’omessa dichiarazione dei redditi) su sette bilanci della società, dal 2010 al 2016, sostenendo la tesi della stabile organizzazione occulta in Italia (dove ha sede il management, si svolgono le riunioni operative e le attività direttive). 

Non è stato possibile al momento ottenere un commento dai legali dei due indagati. La società capogruppo Kering, in una dichiarazione per email si dice “fiduciosa sulla correttezza del suo operato” e aggiunge di star “collaborando attivamente con le autorità competenti”. 

La cifra complessiva che la procura ritiene sia stata sottratta al fisco italiano supera di poco il miliardo di euro, a cui va sottratta la quota parte delle tasse versate in Svizzera, limitatamente alla sola società Gucci (LGI commercializza e quindi paga le tasse elvetiche anche per altri marchi del gruppo Kering), che secondo gli investigatori si aggira poco sopra il 10%. 

Gucci, che dall’epoca dell’emergere dell’inchiesta milanese con le perquisizioni del dicembre 2017 ha sempre dichiarato la piena collaborazione con le autorità e si è sempre detta fiduciosa nella “correttezza e trasparenza delle sue operazioni”, contesta, spiega la fonte, la stabile organizzazione occulta in Italia e considera il rapporto fra LGI e la società italiana una questione di “transfer pricing”.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.