×
625
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CWF - CHILDREN WORLDWIDE FASHION
Wholesale Coordinator H/F
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Creative & Product Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Buyer Rtw Woman
Tempo Indeterminato · MILANO
METARISORSEUMANE
Junior Sales Manager B2B – Contract
Tempo Indeterminato · LIONE
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Emea Marketing Manager / Luxury Field / Milan
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Experience Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Analista Funzionale - Omnichannel IT Solution Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Qualitative & Quantitative Research Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · PARIGI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 lug 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gucci, Balmain e Y/Project cercano di rendere il lusso più ecologico

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 lug 2020

La pandemia di Covid-19 è stata un acceleratore a tutti i livelli per la moda. Improvvisamente, dei concetti che alcuni stilisti avevano cercato di promuovere per anni ed anni sono diventati ovvi per la maggior parte di appassionati ed addetti ai lavori. Come lo sviluppo sostenibile.

Jane Fonda posa per la linea eco-responsabile di Gucci - Harmony Korine


Non passa giorno senza che un marchio comunichi su tale tema o che una giovane etichetta si lanci in questo posizionamento. Le griffe del lusso, per le quali questo concept non ha mai rappresentato una priorità, ad eccezione di alcune, come Stella McCartney, vi si stanno a loro volta dedicando con intensità. Negli ultimi giorni, aziende come Gucci e Balmain e il marchio Y/Project hanno annunciato il lancio di una collezione eco-responsabile.
 
Il direttore artistico di Y/Project, Glenn Martens, nota per il suo lavoro ricco d’ingegno sulla costruzione degli abiti, lancerà la collezione “Evergreen” con la stagione Primavera-Estate 2021. Essa sarà composta da capi storici del guardaroba Y/Project, scelti per la rappresentatività del loro stile e riprogettati per essere prodotti nel modo più etico e sostenibile possibile.

"La nostra responsabilità nell’impatto ambientale passa attraverso la certificazione delle nostre produzioni, imballaggi, trasporti, delle apparecchiature di comunicazione, dei materiali utilizzati, sino alle ultime finiture. Questa selezione di sedici modelli non sarà mai in sconto e resterà in boutique stagione dopo stagione, venendo comunque arricchita nel tempo da nuovi classici Y/Project”, spiega Glenn Martens in un comunicato.
 
“Abbiamo il privilegio di lavorare nell’industria del lusso. Abbiamo il lusso di avere del tempo per pensare, un lusso che ci obbliga. Y/Project vuole essere parte del cambiamento e costruire un futuro migliore”, ha detto ancora.
 
Allo stesso tempo, il direttore artistico di Gucci, Alessandro Michele ha lavorato alla sua prima collezione sostenibile, basandosi su un processo di produzione circolare nel quadro dell'iniziativa “Gucci Circular Lines”. Si tratta in totale di una ventina di capi genderless, tra i quali degli accessori in nylon (zaini, pochette, bob, cappellini, scarpe da ginnastica, giacche a vento, pantaloni e giubbotti).
 
Chiamata “Off the grid” (fuori dal sistema), la collezione è stata concepita “per coloro che desiderano ridurre il loro impatto sull’ambiente, con prodotti che utilizzano materiali riciclati, biologici, provenienti da piante e fonti di approvvigionamento sostenibili, come il nylon Econyl rigenerato, prodotto a partire da scarti di nylon”, proclama il marchio sul suo sito.
 
Il debutto di “Gucci Off” viene accompagnato da una campagna che è stata scattata a Los Angeles prima della pandemia dal regista Harmony Korine con protagoniste l’attrice Jane Fonda, il chitarrista giapponese Miyavi, l’avventuriero ecologico David de Rothschild, il rapper Lil Nas X e la cantante King Princess. Una splendida cornice, in cui i prodotti ecologici sono principalmente focalizzati su accessori basic.
 
Anche il direttore artistico di Balmain, Olivier Rousteing, sale a bordo, mostrandosi fiero di presentare le “prime tappe concrete verso l'obiettivo a lungo termine di creare collezioni veramente sostenibili”. Come parte della sua Cruise Collection per la primavera del 2021, la griffe lancia “PS21”, una capsule per donna composta da una selezione di t-shirt, felpe con cappuccio e felpe in cotone biologico certificato da Ecocert.
 
Un'altra offerta ecologica di felpe, t-shirt, top e pantaloni da donna, prodotta in Italia e Portogallo, è proposta in borse di cotone organico e plastica riciclata. Ancora una volta, come con Gucci, la gamma eco-responsabile è limitata principalmente ad articoli basici.
 
La casa di moda francese tiene a sottolineare in un comunicato, i “grandi sforzi attuati per ridurre l'impronta di carbonio durante la fabbricazione e il trasporto di questi articoli - realizzati in siti di produzione europei alimentati da energie rinnovabili e vicini ai nostri centri di distribuzione globali”. Ogni dettaglio è stato preso in considerazione, dai sacchetti di plastica, biodegradabili al 100%, alle etichette in poliestere riciclato.
 
Questo è solo l'inizio, ma "pensiamo che questi primi passi siano importanti per la maison. La nuova realtà di oggi non solo ci ha costretti ad adattarci a nuovi modi di lavorare, ma anche ad ammettere che dei cambiamenti profondi non possono più essere rinviati a quasi tutti i livelli della nostra vita”, sottolinea Olivier Rousteing. E questi cambiamenti “sono imperativi”, conclude.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.