×
1 344
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA RETAIL
Marketing Director
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Quality Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
23 giu 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Google sotto la lente Ue per la pubblicità online

Di
Ansa
Pubblicato il
23 giu 2021

Altra indagine, altra corsa. Ma questa volta Google viene colpita nel suo business più importante: la pubblicità online. Già sanzionato tre volte a causa di comportamenti anti-concorrenziali in diversi campi, il gigante dei motori di ricerca è di nuovo sotto la lente della Commissione europea, preoccupata che l'azienda abbia "reso le cose più difficili per i rivali" sui servizi pubblicitari 'display' (come banner e video) estromettendoli in una certa misura da un mercato che nel 2019 in Europa valeva 20 miliardi di euro ed è tra l'altro in grande fermento anche per gli editori che spesso usano le inserzioni per monetizzare i propri contenuti.

AFP


A fare drizzare le antenne dell'Antitrust Ue, aprendo la strada all'indagine formale più ampia mai avviata sul tema, sono state soprattutto le pratiche nella controllata YouTube, dove gli inserzionisti possono acquistare gli annunci display utilizzando in larga parte servizi forniti da Menlo Park. Che spesso e volentieri fa anche da intermediario nel mercato. "Google è presente a quasi tutti i livelli dell'offerta della catena", ha precisato la vicepresidente Ue, Margrethe Vestager, premurandosi di ricordare che "la concorrenza leale è importante sia per gli inserzionisti che per gli editori" che cercano di raggiungere il loro pubblico su internet e sono sempre più impegnati nella vendita a loro volta di spazi pubblicitari.

Ma in fatto di parità di condizioni i numeri parlano chiaro: Google nel 2020 ha fatto registrare entrate a livello globale pari a circa 147 miliardi di dollari (circa 124 miliardi di euro) grazie ai suoi strumenti pubblicitari come AdX, una delle principali piattaforme per le aste, e DoubleClick for Publishers, uno dei maggiori sistemi di vendita di inserzioni. Uno strapotere di mercato che, visto dall'alto, rende la piazza di Big G la più grande per chiudere accordi. Ma che, secondo Menlo Park, non arreca danni alla concorrenza, quanto piuttosto "benefici". Anche perché - si è difesa la società - "migliaia di aziende europee utilizzano i nostri prodotti pubblicitari" perché li ritengono "competitivi ed efficaci".

Bruxelles comunque si riserva il diritto di esaminare anche l'accesso ai dati degli annunci pubblicitari da parte di terzi e il tracciamento degli utenti per assicurarsi che la privacy non sia lesa. La volontà di Google, fresca di una stangata da 220 milioni in Francia per aver abusato della posizione dominante proprio nella pubblicità online, è di "continuare a confrontarsi in modo costruttivo" con la Commissione "per rispondere alle richieste di chiarimento". Nella speranza di scongiurare un'altra multa.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
media
Business