×
1 567
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
LABO INTERNATIONAL
Export Business Development Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 nov 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Google lancia uno strumento per aiutare la moda a misurare l'impatto del sourcing

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 nov 2021

Il colosso del digitale Google sta collaborando con la designer Stella McCartney, il programma Textile Exchange e l'ONG WWF per sviluppare lo strumento “Global Fiber Impact Explorer (GFIE)”, volto ad aiutare l'industria della moda a diventare più eco-responsabile nella propria catena di fornitura.

 


La designer britannica Stella McCartney ha permesso a Google di acquisire “una migliore comprensione delle esigenze del settore” e ha testato la piattaforma. Anche altri marchi e gruppi, come Adidas, H&M e VF Corporation, hanno partecipato allo sviluppo di questo strumento.

Il GFIE ha lo scopo di aiutare i marchi a comprendere i problemi ambientali derivanti dall'approvvigionamento delle materie prime, consentendo loro di prendere decisioni più eco-responsabili.

In un post sul proprio blog, Google afferma che l'industria della moda è “uno dei principali colpevoli della crisi climatica e ambientale globale”, generando fino all'8% delle emissioni di gas serra nel mondo, soprattutto durante la fase di rifornimento dei materiali. Ma quando i marchi acquistano le loro materie prime, spesso dispongono solo di “una visibilità parziale o nulla” del loro impatto ambientale.

Da due anni Google sta quindi lavorando allo sviluppo di uno strumento “che fornisca alle aziende tutti i dati di cui hanno bisogno per prendere decisioni più informate sulla loro catena di fornitura”.

La prima versione del GFIE utilizza il motore di Google Earth e la rete Google Cloud per valutare il rischio ambientale di diverse fibre in base a fattori quali inquinamento atmosferico, biodiversità, emissioni di gas, impatto sulle foreste e consumo di acqua.

Secondo l'azienda, lo strumento dovrebbe permettere di “identificare i rischi ambientali associati a più di venti tipi di fibre, tra cui fibre naturali, fibre di cellulosa e materie sintetiche”.

Google afferma così di aver potuto “identificare dei produttori di cotone in Turchia che presentavano rischi di aumento del consumo di acqua e di pericolo climatico. Ciò testimonia la necessità di investire nelle comunità agricole locali che privilegiano pratiche sostenibili, con una migliore gestione dell'acqua e pratiche di rigenerazione dei suoli”.

L'idea del GFIE è nata da una partnership tra Google e il WWF e mira a integrare gli strumenti esistenti che valutano l'impatto del settore sull’ambiente ed eseguono l'analisi dei rischi. Completata la fase di sviluppo iniziale, la gestione dello strumento GFIE è stata trasferita a Textile Exchange. Questa associazione internazionale senza scopo di lucro che promuove l'uso di fibre eco-responsabili dovrebbe poterlo lanciare nel settore già nel corso del 2022.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.