×
1 309
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
7 set 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gli azionisti di Richemont respingono le proposte del fondo attivista Bluebell

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
7 set 2022

Gli azionisti del colosso svizzero del lusso Richemont hanno respinto mercoledì le proposte di Bluebell Capital nel braccio di ferro che li oppone al fondo attivista londinese riguardo ai rappresentanti nel CdA.

Wendy Luhabe - Richemont


Gli azionisti di Richemont, proprietaria in particolare della firma di gioielleria Cartier, si sono rifiutati di eleggere Francesco Trapani, l'ex boss di Bulgari, che il fondo ha voluto portare nel consiglio di amministrazione, preferendogli Wendy Luhabe, la candidata sostenuta dal gruppo, che è quindi ora è la rappresentante dei titolari di azioni di tipo A. gli azionisti hanno votato quasi per l'84% a favore di Wendy Luhabe, mentre Trapani ha raccolto solo il 9,5% dei voti.

Presente nel Board del gruppo dal 2020, la manager è sudafricana. “La signora Luhabe possiede una vasta esperienza nel campo dei beni di lusso. Imprenditrice sociale e attivista economica, ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo contributo pionieristico all'emancipazione economica delle donne in Sud Africa”, spiega il gruppo sul suo sito. Luhabe è la fondatrice e presidentessa di Women in Infrastructure Development and Energy, e ha fondato “Bridging the Gap” e il Women Private Equity Fund.

La professionista africana è anche membro fondatore di Women Investment Portfolio Holdings. In più ha fondato la Wendy Luhabe Foundation e ha istituito una borsa di studio presso l'Università di Johannesburg.

Bluebell Capital è un fondo londinese che si è fatto conoscere, tra l'altro, per aver alimentato una rivolta di azionisti che ha portato alla cacciata di Emmanuel Faber, l'ex boss di Danone. A metà luglio aveva preso di mira Richemont, accusandolo di non dare spazio ai detentori di azioni di tipo A nel suo consiglio di amministrazione.

Le azioni di Richemont si dividono in due categorie. Le azioni A sono quelle quotate in Borsa, mentre le azioni B sono detenute dalla Compagnie Financière Rupert, che prende il nome dalla famiglia fondatrice di Richemont, nota per aver fatto fortuna nel tabacco in Sud Africa prima di diversificarsi nel lusso.

Le azioni B rappresentano circa il 10% del capitale, ma anche il 51% dei diritti di voto, il che consente al presidente della società, Johann Rupert, di controllarla.

Il fondo attivista aveva esercitato pressioni affinché i detentori di azioni A, che rappresentano il 90,1% degli interessi economici della società, disponessero anche di un rappresentante all’interno del Board.

Bluebell Capital aveva proposto la candidatura di Francesco Trapani, uno dei co-fondatori del fondo, sottolineando la sua esperienza nella gioielleria, settore d’attività che contribuisce per più della metà al fatturato di Richemont.

Pronipote del fondatore di Bulgari, Francesco Trapani aveva guidato la divisione gioielleria e orologeria di LVMH dal 2011 al 2014, dopo l'acquisizione della griffe italiana da parte del colosso francese del lusso guidato da Bernard Arnault. Trapani rimase poi consigliere di Bernard Arnault fino al 2016.

Il dirigente italiano è anche entrato nel consiglio di amministrazione di Tiffany & Co. nel 2017 a seguito di un accordo tra il gioielliere americano e il fondo attivista Jana Partners. Trapani aveva però lasciato il suo incarico di amministratore alla fine del 2019, poco dopo il lancio dell'offerta che ha permesso a LVMH di impossessarsi di Tiffany.

Nella sua lettera agli azionisti, il presidente di Richemont aveva raccomandato agli azionisti di votare contro Francesco Trapani, sostenendo che il CdA non poteva ragionevolmente lasciarlo entrare visti i suoi legami con LVMH, uno dei suoi maggiori concorrenti.

Anche le società americane di consulenza per il voto degli azionisti Glass Lewis e ISS avevano chiesto di votare contro l’ingresso di Francesco Trapani.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.