×
1 616
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Sales Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 mar 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Givenchy: revival della Nouvelle Vague a Longchamp

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 mar 2020

La Nouvelle Vague, ultimo grande movimento del cinema francese, e gli artisti che vi sono collegati, sono stati la fonte dell’ispirazione dell’ultima collezione della maison Givenchy, presentata all’Ippodromo di Longchamp.

Givenchy - Autunno-Inverno 2020 - Womenswear - Parigi - © PixelFormula


Svelata domenica sera, in una Parigi umida e glaciale, la collezione Autunno-Inverno 2020/21 di Givenchy è stata sorprendentemente grandiosa, tenendo conto delle origini modeste, indipendenti e spontanee della Nouvelle Vague. Anche se le vere ispiratrici del dèfilé sono state le artiste femministe impegnate di quel tempo, e soprattutto le opere di Helena Almeida, che ha avuto l’onore di una retrospettiva al Jeu de Paume lo scorso anno.
 
La mostra s’intitolava Corpus (“My Work is My Body, My Body is My Work”: “Il mio lavoro è il mio corpo, il mio corpo è il mio lavoro”). Helena Almeida aveva quasi 30 anni all’epoca della Nouvelle Vague. E la forma del corpo umano ha effettivamente svolto un ruolo decisivo in questi abiti.

Il risultato è stato una silhouette nobile e persino grandiosa, spalle esageratamente curve e un profilo allungato. I cappotti in cachemire double face rosso fuoco della direttrice artistica Clare Waight Keller erano ricchissimi di fascino, così come il suo divino abito lungo fino ai piedi, grigio chiaro e completato da guanti verde mastice. E gli outfit collage erano piani d’energia, come il tailleur-pantalone rosso e nero da arlecchino arty presentato con una tote bag rossa, bianca e nera con sciarpa di seta.
 
La stilista britannica è veramente talentuosa per quanto concerne la sera. È una donna di classe che crea abiti di classe. Per il giorno, la collezione era meno convincente – non abbastanza idee plausibili per il lavoro o il tempo libero. Ad essere sinceri, troppi concept sembravano eccessivamente dei vestiti per l'ufficio.

Givenchy - Autunno-Inverno 2020 - Womenswear - Parigi - © PixelFormula


Tuttavia, lo scenario dai muri metallici, con una passerella lunga 100 metri, era superbo. E il paddock reinventato in cocktail bar, bagnato nel ghiaccio secco rosso, dove operava laboriosa una decina di barman dalle mascelle quadrate, offriva un ambiente fantastico per un drink prima della sfilata. Ma l'interminabile allineamento di riflettori dai fasci di luce ravvicinati ha reso l'illuminazione della passerella un vero incubo. Di conseguenza, la maggior parte delle immagini scattate con i telefoni erano sfocate. Nessuno della produzione ha mai sentito parlare di Instagram?
 
Ad ogni modo, e qualunque cosa si possa dire di Clare Waight Keller, la designer è molto brava a creare immagini. Le piacciono anche i cappelli grandi, i più grandi che ci siano: i suoi cappelli a campana avevano un diametro di un metro, e hanno contribuito a creare una conclusione spettacolare.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.