×
1 371
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Footwear Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · PADOVA
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of E-Commerce Luxury Company- International Country
Tempo Indeterminato · MILANO
BENEPIU' SRL
Responsabile Produzione
Tempo Indeterminato · CARPI
CONFIDENZIALE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
21 lug 2021
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gismondi 1754:
Ricavi +55% nel 2° trimestre 2021, e +66% nel 1° semestre

Pubblicato il
21 lug 2021

Il marchio genovese di gioielleria di altissima gamma Gismondi 1754, dal 18 dicembre 2019 quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, ha chiuso il secondo trimestre dell’esercizio 2021 riportando un fatturato consolidato in crescita del +55% sul secondo trimestre 2020, a oltre 2,5 milioni di euro. Ma soprattutto, i risultati consolidati complessivi delle vendite del primo semestre 2021, pari a 3,9 milioni di euro, registrano una crescita del +66% sul primo semestre 2020 e addirittura di un +76% rispetto a quelli del primo semestre 2019, quando il Covid ancora non c’era e, quindi, con una situazione di mercato più direttamente confrontabile.

Massimo Gismondi - Gismondi 1754


I dati riflettono la fase di ripresa del commercio nel trimestre, dopo le riaperture dei negozi e gli allentamenti ai lockdown a seguito della regressione della pandemia in molte zone del globo, considerando poi che nel 1° quarter le vendite del brand furono pari a meno di 1,4 milioni di euro.
 
Il progressivo ritorno alla riapertura e agli spostamenti sicuramente è un segnale positivo che si riverbera anche nella maggior predisposizione agli acquisti, ricorda infatti l’azienda ligure nel proprio comunicato, nel quale tiene anche a ricordare che gli effetti economici causati dalla pandemia in essere al momento sono sempre in evoluzione. “Chiudiamo un altro trimestre all’insegna della forte crescita e ogni termine di confronto con gli esercizi precedenti è molto positivo. Anzi, miglioriamo di quasi l’80% sul dato semestrale del 2019, quando il covid non era parte della nostra quotidianità”, sottolinea a tale proposito Massimo Gismondi, CEO di Gismondi 1754. “Non ci siamo arresi nelle fasi più dure della pandemia, abbiamo reagito e tenuto bene, e oggi che il mondo sembra progressivamente ripartire non possiamo che avere prospettive rosee […] Ci aspetta un secondo semestre di ulteriore consolidamento, nel solco di quanto intrapreso nella prima metà dell’anno”.

Rispetto al medesimo trimestre del 2020, la crescita del secondo quarter 2021 è stata spinta dalle vendite nel canale wholesale, sia a livello europeo che negli USA, con variazioni percentuali in tripla cifra: +442% il delta in Europa e forte ripresa anche negli Stati Uniti. “La ripartenza del mercato statunitense è motivo di ulteriore orgoglio, in quanto testimonia come la strategia di mantenere il presidio sia stata premiante, grazie anche alla diversificazione geografica e di offerta per canale di vendita, che ci ha consentito di non perdere competitività quando alcune aree erano più in difficoltà”, precisa Massimo Gismondi.
 
Il segmento Special Sales, che caratterizza la filosofia del ‘su misura’ Gismondi 1754, ha messo a segno un +19% rispetto al 2° quarter del 2020, passando a oltre 1,1 milioni di euro. Degno di nota il risultato del negozio di St. Moritz, che chiude con +84% di vendite rispetto allo stesso trimestre del 2020.
 
Per aree geografiche, al 30 giugno 2021 cresce percentualmente l’incidenza sul fatturato degli USA, che rappresentano il 25% dei ricavi, mentre rimane stabile l’Italia, anch’essa al 25%. L’Europa complessivamente vale circa il 54% del fatturato di Gismondi 1754, mentre iniziano a dare segnali l’area russa (3%) e l’Australia che, sempre al 30 giugno 2021, vale circa il 2% del giro d’affari.
 
Per canale di vendita, nel secondo trimestre 2021 si mantiene in crescita il retail, che rappresenta il 31% dei ricavi. Le minori restrizioni introdotte per contrastare la pandemia iniziano a dare qualche segnale di controtendenza, con il negozio di Milano che riesce a ripartire, mentre sono sostanzialmente in linea con il 2° quarter del 2020 i risultati del negozio di Genova (Galata) e di quello di Portofino, che potrebbe beneficiare nei prossimi mesi del periodo estivo, generalmente più profittevole per il negozio, precisa la società nel proprio comunicato.

Bracciale con zaffiri rosa, rubini, diamanti bianchi, smeraldi e pietre semipreziose. Per realizzarlo sono state necessarie oltre 600 ore di lavoro - Gismondi 1754


Il canale franchising rappresenta l’11%, le special sales il 27%, mentre il wholesale incide per il 31% del fatturato, sempre a metà esercizio 2021.
 
Più difficoltà si sono registrate nel wholesale in Medio Oriente, la cui divisione è stata aperta ad inizio 2020: i rivenditori dell’area, causa pandemia, hanno sperimentato un rallentamento delle vendite e quindi, prima di effettuare nuovi acquisti di merce, attendono di vendere quanto ordinato nel 2020. Ecco perché nel 2° trimestre del 2021 non si registrano vendite rispetto al corrispondente periodo del 2020, nonostante l’area rimanga strategica e il gruppo genovese ricordi di aver messo in atto delle partnership commerciali per sviluppare ulteriormente questo canale.

Ricordiamo che, sempre nel 2° trimestre, Gismondi 1754 ha reso noto di aver stipulato un’intesa con la catena di hotel di lusso Baglioni Hotels & Resorts. La partnership prevede che l’azienda genovese svolga, in varie forme, il ruolo di “in house jeweller” in tutte le location italiane e mondiali della Baglioni Hotels & Resorts.
 
Prima location in cui i due brand dell’alto di gamma si sono presentati uniti è il nuovo “Baglioni Resort Sardegna” a San Teodoro, situato vicino alla splendida spiaggia di Lu Impostu, dove il 1° giugno scorso è stato inaugurato al suo interno un negozio Gismondi 1754.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.