Gimel passa a Italglobal Partners

Gimel entra nel portafoglio dell’italiana Italglobal Partners, che ha acquisito una quota del 70% della società pugliese di abbigliamento bambino di fascia alta, licenziataria delle linee junior di note griffe del panorama moda internazionale, come Cavalli, Elisabetta Franchi, Philosophy, Young Versace, Dondup e Berwich. Sotto la nuova guida, il player di childrenswear punta a raddoppiare il proprio giro d’affari in 5 anni e alla quotazione in Borsa.

Alberto Dalena, amministratore delegato di Gimel

Se alla testa del gruppo è stato confermato l’AD Alberto Dalena, che continua a detenere una quota di minoranza (sebbene rilevante) della società insieme ad una parte della storica compagine societaria, alla presidenza del CdA è stato invece nominato il fondatore di Italglobal Partners, Ruggero Jenna.

“Sono molto soddisfatto dell’ingresso, tramite Gimel, in una ulteriore nicchia della moda. Abbiamo trovato in Gimel gli elementi determinanti per favorire un deciso percorso di crescita nei prossimi anni: innovazione di prodotto e processo, focalizzazione piena sulla customer satisfaction e produzione full Made in Italy”, ha dichiarato Jenna.

Tra gli investimenti in portafoglio nel segmento moda e beni di lusso di Italglobal Partners spiccano le partecipazioni di maggioranza nella bellunese Ideal, specializzata in componenti per l’industria dell’occhialeria, e nel gruppo vicentino Amf, che produce accessori per abbigliamento, calzature e pelletteria per note case di moda a livello internazionale.​

Attivo da oltre 40 anni nel mondo childrenswear, il gruppo di Putignano (BA) ha chiuso l’esercizio fiscale 2017 con 17,8 milioni di euro di ricavi, in crescita del 30,7% sul 2016, e 2,7 milioni di euro di EBITDA. Per il 2018, Gimel punta a realizzare un fatturato di 21 milioni di euro e un EBITDA di circa 3,2 milioni. 

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter Lusso - AltroBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER