×
1 270
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 dic 2018
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gilet gialli: quarto weekend di perdite per i commercianti francesi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 dic 2018

Per la quarta settimana di seguito, le federazioni delle attività commerciali francesi si sono dovute impegnare nella giornata di lunedì a stilare un bilancio delle conseguenze che le proteste dei gilet gialli hanno determinato sui loro affari del weekend. Nel corso dell’estremamente strategico secondo fine settimana di dicembre, i centri commerciali hanno visto diminuire le presenze del 17% in media, mentre l’Alliance du Commerce (grandi magazzini ed insegne di abbigliamento/calzature) annuncia perdite che vanno dal 25 al 35%.

Manifestazione dei gilet gialli che bloccano il passaggio alle auto a fine novembre in un'area commerciale a Colmar - AFP


“Questa cifra sembra inferiore rispetto ad altri fine settimana, ma resta comunque considerevole per uno dei migliori weekend dell’anno”, spiega Yohann Petiot, Direttore Generale dell’Alliance, il quale spiega a FashionNetwork.com che questa volta molti esercizi commerciali avevano deciso di tenere chiuse le serrande. Soprattutto a Parigi, dove erano previsti nuovi scontri.
 
“Le perdite di fatturato sono colossali e non verranno recuperate”, indica all’agenzia Reuters Pierre Pelarrey, Direttore Generale del grande magazzino Printemps Haussmann, davanti al quale si erano già svolti degli scontri una settimana prima. La perdita di attività sarebbe del 30%, per questa mecca del turismo commerciale, ma anche del 25% nei negozi dell’insegna francese situati in provincia. Va ricordato che gli acquisti natalizi incidono per il 20% sul fatturato dei Printemps, sempre secondo Reuters. In compenso, il concorrente Galeries Lafayette non ha fornito dati, ma ha anche indicato che la perdita di guadagno dovuta alla chiusura di sabato 8 dicembre non sarà recuperata.

A livello regionale, molte zone commerciali hanno di nuovo sperimentato blocchi, parziali o totali, dell’attività, secondo l'Alliance du Commerce, in città come Caen, Poitiers, Avignone, Marsiglia, Tolosa, Bordeaux, Nantes, Narbonne, Lione, Rouen e altre. “Alcuni negozi hanno anche subito danni materiali e saccheggi”, precisa piccato Yohann Petiot.
 
Invece, centri e gallerie commerciali hanno registrato nella giornata di sabato una contrazione delle presenze del 17%, secondo quanto dichiarato da Gontran Thüring, Delegato Generale del Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali (CNCC). Un calo che s’intensifica rispetto a quello del 14,3% registrato sabato 24 novembre, e all’altro del 12,7% il 1° dicembre, secondo l’analisi effettuata su 280 centri commerciali, degli 800 presenti nell’Esagono.
 
Per il Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali, “c’è un effetto psicologico importante: la gente preferisce posticipare i propri acquisti e stare a casa”. Questo calo è principalmente dovuto ai “blocchi completi o filtranti delle rotatorie d’accesso ai siti periferici che permangono in molte regioni”. E “per la prima volta, i centri commerciali dei centri urbani hanno registrato il più alto calo di presenze, con oltre il 20% in meno”, fatto che il CNCC lega alle “violenze osservate nel cuore di città come Bordeaux, Tolosa o Saint-Etienne”.
 
Per quanto riguarda le sei misure messe in atto dal Ministero dell'Economia per aiutare i commercianti, esse starebbero tardando a dare risultati. “Abbiamo un po’ più di chiarezza sull’andamento dei differimenti delle spese sociali”, spiega Yohann Petiot. “Quello che vedo, però, è che [questi provvedimenti] impiegano molto tempo ad ottenere risultati sul campo. E la benevolenza che viene annunciata (Bercy fa un’appello alla comprensione a banche ed assicurazioni, ndr.), non sempre si verifica” nella realtà.
 
La redazione con le agenzie

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Business