×
1 615
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
29 set 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fusioni e acquisizioni, quando l’industria cosmetica arriva al culmine

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
29 set 2017

Secondo Capitalmind, società specializzata in transazioni e acquisizioni, l’industria cosmetica è arrivata in una nuova fase della sua storia, in cui le aziende a media capitalizzazione devono “raggiungere rapidamente una dimensione critica o legarsi a un leader mondiale”.

Correttori di Too Faced, marchio acquisito da Estée Lauder nel novembre 2016 - Instagram


Negli ultimi anni, il numero di marchi di make up, cura del corpo o profumi passati nelle mani di grandi gruppi o fondi è cresciuto significativamente. Ormai più di due operazioni di avvicinamento hanno luogo ogni settimana a livello mondiale, evidenzia Capitalmind, che sottolinea inoltre che con il 36% delle transazioni negli ultimi 5 anni l’Europa rappresenta il terreno di gioco principale per questo tipo di operazioni, davanti agli Stati Uniti (31%).

“Trenta aziende del beauty si dividono il 63% del mercato. Rispetto ad altri settori, quella della cosmetica resta particolarmente segmentato”, ha spiegato Nicolas Balon, associato presso Capitalmind. E se L’Oréal, Estée Lauder, Coty, Shiseido e Beiersdorf sono i top cinque del mondo tra i giganti della bellezza, numerosi piccoli brand si contendono circa il 40% del mercato. Attori che spesso hanno bisogno di capitali per perseguire o accelerare la loro crescita, mentre i grandi gruppi così come i fondi sono alla ricerca di marchi innovativi che possano offrire nuovi terreni di espressione e rispondere alle nuove esigenze dei consumatori.

I brand del make up sembrano essere i più coinvolti e nel 2016 il fatturato di questo comparto è salito dell’8,4%, contro una crescita del mercato globale della bellezza del 5%, a 205 miliardi di euro. Inoltre, negli ultimi 5 anni, il 38% delle transazioni ha riguardato il make up, il 32% i prodotti per la cura del corpo e il 15% i profumi e i prodotti per i capelli.

Una situazione che sembra comportare importanti valorizzazioni. Nel novembre 2016, Estée Lauder ha infatti acquisito il brand di make up Too Faced per 1,45 miliardi di dollari, anche se la griffe realizza vendite per 270 milioni di dollari, in crescita del 70%. Ma impossessandosi di un marchio con 9,3 milioni di follower su Instagram, il gruppo americano si è avvicinato ai tanto ambiti millennials.

Oltre ai brand di make up, sostenuti dalla “generazione selfie”, Capitalmind sottolinea che anche i marchi di bellezza attiva, o che puntano sul naturale, così come le applicazioni di bellezza sono attori da seguire con attenzione.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.