×
729
Fashion Jobs
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
GOLDENPOINT
Marketing&Communication Manager
Tempo Indeterminato · CAVRIANA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Pelletteria
Tempo Indeterminato · VICENZA
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile Vendite Italia Estero
Tempo Indeterminato · VICENZA
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Procurement Specialist
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
MICHAEL PAGE ITALIA
Technical Sales - Adesivi - Chimica - Home Office
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Plant Controller
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
E-Commerce & Content Manager
Tempo Indeterminato · VICENZA
MICHAEL PAGE ITALIA
Sales Manager Italia - Produzione Abbigliamento Conto Terzi
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Impiegato Ufficio Tesoreria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Gaming Projects Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Art Direction - Watches & Jewelry
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
HR Retail Business Partner
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DIESEL
Global Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Digital ed E-Commerce Per Brand Sneakers Veneto
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Collezione Maglieria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Associate Leather Goods Merchandising Manager
Tempo Indeterminato ·
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Abbigliamento Romania
Tempo Indeterminato · MODENA
MANPOWER PROFESSIONAL
Export Manager Arredamento Design
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 gen 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fred Perry presenta i suoi risultati pre-pandemia, mostrando un flusso di cassa solido

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 gen 2021

La griffe inglese di abbigliamento Fred Perry, celebre per le sue polo, ha reso noti i risultati del proprio esercizio fiscale 2019; un esercizio ridotto, poiché copre un periodo di nove mesi che è terminato alla fine del 2019. Il marchio dei due rami d’alloro, che recentemente ha inaugurato negozi a Milano e Madrid, ha realizzato un fatturato netto di 88,2 milioni di sterline (98,2 milioni di euro) nel corso del periodo. Un dato in calo rispetto ai 122,2 milioni di sterline (136,1 milioni di euro) generati nei dodici mesi precedenti. Ma su base comparabile, vale a dire sull’intero 2019, la società ha registrato entrate per 127 milioni di sterline (141,4 milioni di euro).

Fred Perry/BuckleyGrayYeoman


Il margine lordo nei nove mesi è stato di 44,8 milioni di sterline (49,9 milioni di euro), contro i 66,1 milioni di sterline (73,6 milioni di euro) dell’esercizio precedente, con una percentuale di margine lordo del 50,7%, anch’essa in diminuzione (fu del 54,1% nel 2018). L’utile netto è stato di 9,67 milioni di sterline (10,8 milioni di euro), contro i 22,82 milioni di sterline (25,4 milioni di euro) di un anno prima.
 
La casa madre dell’azienda, Fred Perry (Holdings) Limited, che gestisce i marchi Fred Perry e Lavenham nel Regno Unito e su alcuni mercati internazionali, ha anch’essa presentato i suoi risultati, sostanzialmente simili a quelli della propria controllata. Il gruppo ha realizzato un fatturato di 91,2 milioni di sterline (101,6 milioni di euro) nel periodo di nove mesi, contro i 127 milioni di sterline (141,4 milioni di euro) dell’esercizio completo precedente. L’utile netto è stato di 9,7 milioni di sterline (10,8 milioni di euro), in discesa rispetto ai 25,2 milioni di sterline (28,1 milioni di euro) mostrati nell’esercizio 2018.

L'azienda non ha ancora pubblicato i dati sul proprio business dalla fine del 2019. Fred Perry specifica solo di aver posto in atto “un controllo rigoroso dei costi e una riduzione di tutti i progetti accessori” di fronte alla crisi sanitaria. Quanto alla Brexit, la società ha dichiarato che, nonostante le incertezze, dispone di una vasta base di fornitori al di fuori dell'Unione Europea, “che mitiga il rischio di attriti commerciali tra il Regno Unito e l'UE”.
 
Il flusso di cassa dell'azienda sembra essere abbastanza solido, con più di 100 milioni di sterline (111,3 milioni di euro) a sua disposizione e nessun prestito in essere. Un bel vantaggio, visto che la pandemia dovrebbe avere un impatto sulle sue attività commerciali “ancora per un certo tempo”, nelle parole della società.
 
Secondo Fred Perry, le sue riserve di liquidità lo aiuteranno a far fronte alle difficoltà future, e gli consentiranno di prendere decisioni basate “sull'interesse strategico a lungo termine del marchio”.
 
Quest'ultimo consiste in particolare nell’individuare come target clienti “internazionali e iperconnessi”,passando da un “approccio stagionale obsoleto al proporre collezioni trimestrali, al fine di fornire ai nostri clienti nuovi prodotti e contenuti che arricchiscano continuamente l'immagine del marchio”.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.