Fosun ha avviato una trattativa esclusiva per comprare La Perla

Dopo aver ufficialmente acquisito il 20 ottobre scorso la maggioranza dell’azienda specializzata in abbigliamento maschile di alta gamma Caruso, il gruppo cinese Fosun sembra orientato a continuare a fare shopping in Italia. Il proprietario del marchio di lingerie di alta gamma La Perla ha infatti concordato di effettuare colloqui esclusivi per un mese con il gruppo asiatico per trattare la vendita di una percentuale di maggioranza del marchio bolognese di biancheria intima di lusso.

La Perla

L’imprenditore Silvio Scaglia, il fondatore del gruppo di telecomunicazioni Fastweb, ha comprato per 69 milioni di euro il gruppo felsineo in difficoltà a un'asta giudiziaria nel 2013 attraverso la holding familiare Pacific Global Management.
 
Scaglia ha investito più di 300 milioni di euro nell’azienda fondata a Bologna nel secondo dopoguerra, con l'obiettivo di espandere il marchio all'estero, in particolare in Asia.
 
Il gruppo, che possiede 30 negozi monomarca, ha ottenuto vendite per 140 milioni di euro quest’anno e si prevede che raggiunga il pareggio di bilancio entro la fine del 2018, ha sostenuto Scaglia in una recente intervista a “Forbes”.
 
La conclusione dell'accordo è soggetta all'approvazione di Fosun, è riportato in un comunicato congiunto.
 
Il gruppo d’investimento di Shanghai Fosun, che è il proprietario dell’azienda francese di resort Club Med e l’azionista di maggioranza del colosso tedesco dell'abbigliamento Tom Tailor e dal 2016 anche del marchio francese di abbigliamento di alta gamma Iro, "continuerà ad investire nel brand per sviluppare il suo pieno potenziale di firma del lusso globale...", indica il comunicato.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

© Thomson Reuters 2018 All rights reserved.

Biancheria intimaBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER