×
1 741
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Forte preoccupazione dei lavoratori tessili in Bangladesh di fronte al calo delle esportazioni

Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 ott 2020

Shahidullah Azim, il proprietario di una fabbrica di abbigliamento in Bangladesh, ha licenziato il 20% dei propri dipendenti dopo la prima ondata della pandemia di coronavirus. Testimone impotente della seconda ondata che si sta diffondendo in Europa e negli Stati Uniti, l’imprenditore teme “una crisi senza precedenti”.

Reuters


E non è il solo. In Bangladesh, il secondo produttore mondiale di abbigliamento dopo la Cina, l'intera industria tessile è preoccupata, perché i rivenditori internazionali ritardano o annullano gli ordini, esigono riduzioni di prezzo significative o semplicemente si astengono dal pagare.
 
“È un disastro. Prendiamo ordini solo per sopravvivere”, si lamenta Siddiqur Rahman, che produce abbigliamento per conto di grandi marchi internazionali, tra cui H&M e Gap. “Avevamo previsto che gli ordini sarebbero ripresi prima del periodo natalizio, e invece no”.

I clienti di Siddiqur Rahman a volte richiedono sconti fino al 15%, rendendo ancora più difficile la ripresa per il produttore.
 
Nel corso dell’esercizio scalato terminato a fine giugno, le esportazioni di vestiti del Bangladesh hanno raggiunto i 27,94 miliardi di dollari (23,6 miliardi di euro), in diminuzione del 18% rispetto all’esercizio precedente.
 
Certo, c'è stato un rimbalzo inferiore all'1% nel trimestre luglio-settembre, grazie ad un aumento della domanda di maglieria, che rappresenta la metà delle esportazioni totali di abbigliamento del Bangladesh.
 
Ma quasi la metà delle fabbriche che producono jersey e maglieria (come t-shirt e maglioni) hanno difficoltà a mantenere l'attività, sottolinea Selim Osman, il presidente dell’associzione dei fabbricanti ed esportatori di maglieria del Bangladesh. Quest'ultimo avverte inoltre che “una seconda ondata potrebbe ritardare ulteriormente la ripresa delle attività”.
 
Il Bangladesh ha costruito la sua industria dell'abbigliamento — la quale rappresenta 4.000 fabbriche che danno lavoro a 4 milioni di persone — grazie ai bassi salari. La produzione di abbigliamento è un pilastro della sua economia, contribuendo per quasi il 16% al PIL del paese, secondo la banca centrale.
 
Shahidullah Azim, che rifornisce dei dettaglianti europei e nordamericani, è stato costretto a tagliare un posto di lavoro su cinque nella sua fabbrica. "Ed è così per la maggior parte delle fabbriche", dice. “Ora è iniziata la seconda ondata. Non sappiamo cosa ci riserva il futuro”.
 
Gli esperti temono che il Paese dell'Asia meridionale possa affrontare una nuova ondata di contagi durante l'inverno. Il Bangladesh ha finora registrato 390.206 casi, con 5.681 decessi.
 
Circa un terzo del milione di lavoratori lasciati a piedi o licenziati è stato riassunto da luglio, secondo i dirigenti sindacali. Ma molti lavoratori faticano a sopravvivere senza il pagamento degli straordinari, che in genere rappresentano il 20% del loro reddito mensile.
 
“Senza gli straordinari diventa troppo difficile sbarcare il lunario”, confessa Banesa Begum, dipendente di Gazipur, città alla periferia della capitale Dacca. “Prego che la mia fabbrica riceva più ordini, in modo che possiamo sopravvivere”.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.