×
1 629
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Pubblicato il
7 gen 2014
Tempo di lettura
5 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Firenze: Hometown of Fashion

Pubblicato il
7 gen 2014

Grandi novità annunciate in occasione della conferenza inaugurale di Pitti Immagine Uomo, svoltasi a Palazzo Vecchio il 7 gennaio, in concomitanza con l’apertura del salone fiorentino, alla presenza di Stefano Ricci, Presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana (che in questo 2014 festeggia i 60 anni di attività), Gaetano Marzotto, Presidente di Pitti Immagine, Carlo Calenda, vice ministro dello Sviluppo Economico, Federico Ghizzoni, AD di UniCredit S.p.A., Claudio Marenzi, Presidente di SMI - Sistema Moda Italia, Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana e del Sindaco di Firenze Matteo Renzi.

Da sinistra a destra: Marenzi, Marzotto, Calenda, Renzi, Ricci, Rossi, Ghizzoni.


La prossima edizione di Pitti Uomo, che si svolgerà dal 17 al 20 giugno 2014, vedrà infatti il lancio di "Firenze Hometown of Fashion", un programma speciale di eventi realizzato dal Centro di Firenze della Moda Italiana insieme a Pitti Immagine, con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico e dell'ICE.

All'inaugurazione della fiera, Stefano Ricci ha sottolineato come non sia casuale che Firenze sia la culla della Moda, con nomi eccellenti che si sono guadagnati posizioni di leadership a livello internazionali e diversi altri che hanno trovato nella valle la capacità di esprimere il proprio genio creativo, tanto nell’abbigliamento quanto nella pelletteria. “Il Centro di Firenze della Moda italiana, la più antica istituzione del sistema tessile abbigliamento, celebra quest’anno 60 anni dalla sua fondazione. In qualità di suo presidente sono felice di poter contribuire a questo progetto [...] abbiamo progettato un calendario di eventi per il prossimo giugno che saranno un momento di valorizzazione della creatività italiana ai suoi più alti livelli. Attraverso iniziative che guardano alla tutela e al sostegno dell’intero sistema del tessile-abbigliamento, abbiamo inoltre raggiunto risultati significativi anche nel finanziamento alle piccole e medie imprese che producono interamente in Italia, secondo un piano elaborato con il fondamentale supporto di Unicredit denominato Fatto in Italia”.

La prima iniziativa studiata vedrà coinvolte le 5 maison Born in Florence, che sono Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Roberto Cavalli, Ermanno Scervino e Gucci, per rendere omaggio alla città con singoli eventi coordinati tra loro da realizzarsi in luoghi simbolo.

Il 16 giugno 2014 ci sarà un concerto al Nuovo Teatro dell’Opera in collaborazione con il Maggio Musicale e un’esposizione dei costumi di scena. Vi sarà poi una presentazione d’artista, un evento/performance d’autore dedicato all’identità stilistica italiana ispirata ai protagonisti di Pitti, cioè la comunità che si riunisce in Fortezza per 4 giorni, la 'Pitti People', che nel salone fiorentino trova il proprio palcoscenico naturale e che ispira tendenze e strategie di marketing, che svelerà creatività, ricerca ed eleganza. Ci sarà una valorizzazione importante delle menti e della creatività italiana. Saranno realizzati dei cortometraggi che permetteranno di promuovere il nostro sistema Paese presso tutti i canali internazionali.

Inoltre, verrà realizzata una serie di interviste/ritratti alle menti e mani creative italiane che rendono unico lo stile italiano nella moda, nel lusso e nella manifattura artigiana, un’installazione live e un documentario televisivo per i circuiti nazionali e internazionali, una notte speciale e coinvolgente per i 'Pitti Italics', i migliori esponenti della nuova generazione di fashion designer di livello internazionale che progettano e producono in Italia: sfilate, performance e un fashion party.

I nomi più prestigiosi e i giovani emergenti della scuola napoletana di alta sartoria maschile, della cultura e dello stile partenopei, esempio di eleganza e gusto italiano nel mondo, saranno celebrati in un film e in una sera a tema. Ci sarà anche un evento consacrato all’epoca d’oro del design automobilistico italiano, in ideale collegamento con la nascita e l’affermazione della moda Made in Italy (anni ’50 e ’60), in una spettacolare esposizione di auto da collezione, aperta al pubblico.

Il manifesto del progetto "Firenze Hometown of Fashion"


E poi, una guida e un premio ai migliori retailer italiani e internazionali che hanno cambiato il modo di concepire il negozio multimarca e hanno fatto dei loro negozi il punto di riferimento della migliore clientela internazionale, e anche l’inaugurazione della nuova illuminazione del Ponte Vecchio, donata a Firenze da Stefano Ricci, con festa di chiusura e spettacolo visivo per ospiti e cittadini. Inoltre, sono previste edizioni speciali dei progetti che nelle ultime stagioni animano la scena commerciale e di comunicazione della Fortezza da Basso durante Pitti Uomo, in particolare 'Vestirsi da Uomo', 'Guest Nation' e 'Who’s On Next Uomo'.

Molto importante, infine, l'annuncio che verranno investiti 80 milioni di euro per il rifacimento della Fortezza da Basso e per rinnovare e rendere più funzionale l'aeroporto cittadino, l'Amerigo Vespucci.

L’intero programma sarà sostenuto da un piano speciale di ospitalità, realizzato in stretta collaborazione con l'Istituto per il Commercio Estero-ICE, e di comunicazione.

“Pitti Uomo è il salone di moda maschile più importante al mondo, insostituibile strumento commerciale e di comunicazione per le migliori aziende italiane”, ha ricordato Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine. “La moda maschile sarà il grande business del prossimo decennio, grazie soprattutto alla crescita dei nuovi mercati. Perciò la concorrenza tra gli eventi di presentazione internazionali è diventata molto più aspra rispetto a pochi anni fa: siamo entrati in una fase che segna una netta discontinuità con gli ultimi 25 anni, di potenziali grandi opportunità, ma anche carica di maggiori rischi. Per rafforzare l’immagine, la forza e il prestigio della moda italiana e di Pitti Uomo è necessaria una strategia nazionale sostenuta dalle istituzioni: per questo è così prezioso l’impegno della nostra proprietà, il Centro, e l’attenzione concreta e competente del Ministero Sviluppo Economico e del Governo”.

“Il tratto unico e inimitabile di Pitti Uomo sta nel riassumere in un solo evento gli elementi vincenti del nostro sistema tessile-moda”, ha concluso Carlo Calenda, vice ministro dello Sviluppo Economico. “Caratteristiche che conosciamo bene: una straordinaria qualità realizzativa, la flessibilità produttiva e la specializzazione dei distretti industriali, il talento artigiano che sposa il marketing globale delle grandi griffe. Un sistema che non ha eguali altrove e che molti si sforzano di imitare. Vogliamo che Pitti Uomo continui a essere una vetrina all’altezza della moda italiana e per questo il Ministero ha assunto con il settore, il Centro di Firenze per la Moda Italiana, Pitti Immagine e la città di Firenze l’impegno a rafforzare l’evento in un contesto competitivo che vede il salone italiano in diretta concorrenza con altre piazze europee”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.