Fendi sorprende con nuovi materiali al Foro Romano

Fendi ha festeggiato le proprie origini romane giovedì sera in un tempio antico, con una collezione ispirata alle pietre e ai mosaici su cui hanno camminato i facoltosi ospiti della firma italiana.

Fendi - Haute Couture - Autunno/Inverno 2019-20 - Rome - Foto: FashionNetwork.com/Godfrey Deeny

Da cappotti intrecciati di visone rasato ispirati al marmo romano decorativo e ai pavimenti in porfido, a meravigliose mantelle rifinite con cashmere stampate come marmo seriato. Del resto, metà degli outfit richiamava antichi materiali da costruzione.

Tranne per il fatto che questi erano tutti tessuti davvero nuovi. Per esempio, il fantastico cappotto avvolgente che imita le finestre rinascimentali rinforzate con motivi in ferro battuto. Ma in realtà questo “nuovo materiale” così fashion era composto da un complicato reticolo di rafia ricoperta da minuscole strisce di visone.

Circa 600 ospiti si sono ritrovati al Tempio di Venere e Roma, il più grande tempio dell'antica Roma, dedicato a Venere Felix, portatrice di buona fortuna. Fendi ha costruito un set elaborato, imitando il tufo degli edifici di epoca razionalista degli anni '30 – come il quartier generale del marchio, il gigantesco Palazzo della Civiltà.

Fendi - Haute Couture - Autunno/Inverno 2019-20 - Rome - Foto: FashionNetwork.com/Godfrey Deeny

Così, le prime modelle hanno sfilato con il Colosseo sullo sfondo davanti a un pubblico che comprendeva Catherine Zeta-Jones, Susan Sarandon, Zendaya e una piccola serie di fascinose bellezze locali di quella che qui è chiamata "aristocrazia nera". Per farne parte è necessario che la propria famiglia possieda almeno almeno un papa e un santo nell'albero genealogico.

La collezione ha rappresentato la prima sfilata d'alta moda di Fendi dopo la morte in febbraio di Karl Lagerfeld. Ciò nonostante, si poteva quasi sentire la presenza del suo spirito. Come nelle coraggiose esibizioni di capacità tecniche, viste per esempio nello splendido secondo look – visone intrecciato super morbido, ma che sembrava preso direttamente dal soffitto della Cappella Medicea.

Il CEO di Fendi, Serge Brunschwig, aveva visitato per la prima volta il sito a settembre e ha dato il via libera al progetto solo dopo l'entusiastica approvazione di Lagerfeld.

Dal cast fino alla musica scelta, l'intero evento è stato in perfetta sintonia con l'eredità di Lagerfeld, anche se l'ha portata oltre. Come nella colonna sonora – la cantante techno bolognese Caterina Barbieri – scelta dall'architetto del suono collaboratore di lunga data di Karl, Michel Gaubert. L'artista ha mescolato effetti techno spaziali con i suoi grugniti e borbottii primitivi e con dei canti gregoriani.

Fendi - Haute Couture - Autunno/Inverno 2019-20 - Rome - Foto: FashionNetwork.com/Godfrey Deeny

Le creazioni hanno anche rispettato l'altro grande contributo dato da Lagerfeld alla maison Fendi – la levità. Come negli abiti leggeri in garza di seta e in un vestito semi-trasparente di organza a strati indossato da una modella color dell'ebano che portava una parrucca bionda in stile Mireille Darc: magnifica. 

"Si tratta di meravigliare e sorprendere ogni volta il pubblico delle sfilate di Fendi... In questa collezione, tutto gira attorno al contrasto fra il presente e il futuro. Trasformiamo il marmo in un tessuto flessibile", ha spiegato il direttore creativo della casa, Silvia Venturini Fendi, prima di aggiungere che, nell'era dello sviluppo sostenibile, alcuni capi erano fatti con pellicce riciclate.

Dopo il défilé, gli invitati hanno percorso tranquillamente e in silenzio le strade coperte da tappeti della Roma antica, oltrepassato l'Arco di Tito, contemplato la casa delle Vestali e raggiunto la Vigna Barberini, un'alta spianata che domina la Città Eterna, creata per ospitare feste gigantesche e altri festini sfrenati sul Palatino, dimora degli imperatori per diversi secoli.

In altre parole, il DNA di Fendi offerto su un piatto d'argento agli ospiti, che poi hanno potuto degustare all'aria aperta dei Peicatoris Mare Nostrum, cioè dei pesci freschi del Mediterraneo.

Perché è qui che Fendi si trova a casa, nella culla della civiltà occidentale, intento a rivisitare le sue radici per creare un presente sorprendente.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Lusso - Prêt à porter Sfilate
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER