×
1 386
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Fendi Casa si rinnova, e per la prima volta propone una linea di valigie

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 9 apr 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fendi e la sua linea di arredamento “Casa”, fatta gestire da 30 anni in licenza, rendono più stretti i loro legami, portando un nuovo respiro al progetto. Qual è il segnale di questo cambiamento? In occasione del Salone del Mobile di Milano, la nuova collezione Fendi Casa, concepita dalla designer Cristina Celestino, è stata presentata per la prima volta nella sede milanese della casa di moda di Roma, in Via Solari, accompagnata (anche questa una novità senza precedenti) da una capsule collection esclusiva di valigie realizzate da Silvia Venturini Fendi, direttrice creativa delle collezioni Uomo e Accessori Donna.

Il soggiorno firmato da Cristina Celestino per Fendi Casa - Fendi


Le due collezioni sono legate dallo stesso tema: l’iconico motivo a righe Pequin di Fendi, un logo/non logo composto dalle riconoscibilissime strisce marrone e tabacco immaginate da Karl Lagerfeld nel 1987, lo stesso anno in cui è stata lanciata la linea di arredamento, affidata in licenza all’imprenditore Alberto Vignatelli. Oggi Fendi Casa realizza circa 70 milioni di euro di fatturato ed è curata dalla società Luxury Living Group, guidata da Raffaella Vignatelli, che è succeduta al padre nel 2018.
 
Fendi Casa si rivolge con regolarità a vari architetti e designer per realizzare delle capsule collection, come Thierry Lemaire negli ultimi anni. Quest’anno, la griffe romana ha voluto cambiare approccio, pensando a una collezione che fosse allo stesso tempo molto più ampia e più vicina al suo universo moda, chiamando a collaborare uno dei designer emergenti che propone a Design Miami.

Dal 2008, Fendi sfrutta questo evento per svilupparvi dei progetti più sperimentali e artistici, dai quali nascono oggetti che non sono destinati alla vendita, ma che talvolta vengono impeigati nelle sue boutique. La designer che quest’anno è stata scelta per occuparsi di Fendi Casa è Cristina Celestino, con la quale il brand aveva collaborato a Design Miami nel 2016 al progetto “Happy Room”.
 
L’architetto e designer italiana, che sta anche lavorando alle nuove boutique di Sergio Rossi, per questa collezione, chiamata “Back Home”, si è ispirata all’universo di Fendi, ricreando le diverse stanze che compongono un appartamento della borghesia romana degli anni '70, ma aggiungendovi dei tocchi Art Decò.
 
Grandi terrazze e patii dai pavimenti in cotto, con piante d’agrumi e segnavento di design, l’atrio, l'anticamera, lo spogliatoio e il soggiorno fungono da sfondo per questa collezione, dove i riferimenti a Fendi sono molteplici e appaiono qua e là come in un puzzle.

A destra la borsa "Peekaboo", realizzata in abbinamento alla linea Fendi Casa - ph Dominique Muret


A cominciare dal motivo Pequin, che Cristina Celestino reinterpreta in diverse tinte e materiali su divani, poltrone, tavolini, lampade o specchi, con dettagli in marmo, onice e metalli dorati. È soprattutto nei tappeti intessuti a mano in seta, lino e lana che le larghe strisce si declinano in colorazioni rosa e blu, profilate con forme arrotondate.
 
La collezione di valigeria firmata da Silvia Venturini Fendi, composta da valigie, beauty case, bauletti e cappelliere, riprende anch’essa le medesime righe, creando immediatamente il collegamento con la linea di mobili. La stilista propone anche una piccola selezione di borse, tra le quali un esclusivo modello “Peekaboo” realizzato con 72 pezzetti di pelle in soli cinque esemplari che saranno venduti esclusivamente nel negozio Fendi di Via Montenapoleone a Milano.
 
Tra gli altri riferimenti a Fendi, su qualche elemento, come su alcuni tappeti o tavolini bassi, si ritrova il logo delle due F arrotondate che s’intrecciano, anche questo ideato da Karl Lagerfeld, che ha lanciato il prêt-à-porter di Fendi nel 1977, supervisionandolo fino alla sua scomparsa. Altrove, i gemelli servono come ispirazione per lampade o specchi doppi. I pezzi di questa collezione “Back Home” presentati al Salone del Mobile di Milano saranno posti in vendita in settembre con prezzi che andranno da 1.500 a 35.000 euro.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.