×
1 329
Fashion Jobs
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Estero Brand Fashion Premium
Tempo Indeterminato ·
STROILI
Category Manager
Tempo Indeterminato · ASSAGO
FREEDOMDAY
Impiegata/o Commerciale Ufficio Estero
Tempo Indeterminato · GALLARATE
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
MANTERO SETA
Responsabile Area Tecnica Qualità
Tempo Indeterminato · GRANDATE
Pubblicità
Di
Adnkronos
Pubblicato il
15 giu 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Federorafi: segnali di ripresa nel primo trimestre

Di
Adnkronos
Pubblicato il
15 giu 2021

Nel gennaio-marzo 2021 il 24% degli orafi presenta un fatturato in crescita rispetto ai livelli del primo trimestre del 2020. Tra queste, un 10% cresce oltre il 20%; un 5% sperimenta un aumento tra il +10% e il +20%" e ancora un 5% tra il +5% e il +10%. Infine, il 4% registra una variazione positiva compresa tra il +1% e il +5%. È quanto emerge dalla quinta edizione dell'Indagine campionaria elaborata per Federorafi dal Centro Studi di Confindustria Moda, focalizzata sull'evoluzione congiunturale che ha interessato le aziende del settore nel periodo gennaio-marzo 2021.

@vicenzaoro


Il 22% del campione, invece, mostra vendite invariate rispetto ai primi tre mesi del 2020. Resta, tuttavia, prevalente la quota del campione ancora interessata da contrazioni del fatturato, ma nella misura del 54% (quota, quindi, ben più contenuta rispetto all'incidenza registrata nelle rilevazioni precedenti, 89% nell'anno 2020). La flessione del fatturato trimestrale dell'Oag risulta, pertanto, pari al -11,6%. La dinamica registrata 'a consuntivo' è meno intensa rispetto alla previsione del -16,0%, che le aziende avevano formulato ad inizio periodo (ovvero in occasione della rilevazione di gennaio).

Nel primo trimestre 2021, la quota di aziende a campione che ha fatto ricorso agli ammortizzatori sociali passa al 51%, in lieve calo, dunque, rispetto a quanto emerso nella rilevazione precedente (56% nel quarto trimestre 2020). Con riferimento alle imprese che ne hanno fruito, nel 42% dei casi gli addetti coinvolti dalla Cig non superano il 20% del totale, segnando un vero e proprio balzo rispetto al 9% rilevato nel 4° trimestre 2020; all'opposto, il 16% ha usufruito degli ammortizzatori sociali per oltre l'80% dei dipendenti totali dell'azienda, in calo di 10 punti percentuali rispetto al 26% rilevato nel trimestre ottobre-dicembre. Guardando al secondo trimestre, il 49% delle aziende in esame prevede di far ricorso ancora alla cig, percentuale in debole contrazione, dunque, rispetto a quanto registrato nel gennaio-marzo 2021.

Alla data della rilevazione, la metà circa del campione (48%) segnala un certo "risveglio" del mercato estero con riferimento ad alcuni Paesi-partner strategici, che si stanno dimostrando più dinamici in questo periodo. Tra questi, si collocano ai primi posti (per il maggior numero di segnalazioni da parte delle aziende) Stati Uniti, Francia, Emirati Arabi/Qatar.

Se solo a parere del 20% del campione, la pandemia non ha influito sui costi delle materie prime utilizzate, per una larga maggioranza, invece, ovvero per il 75% delle aziende, le materie prime stanno sperimentando degli aumenti, di portata lieve (28%) ma soprattutto forte (47%). Come noto, del resto le quotazioni non solo dell'oro ma anche degli altri metalli preziosi hanno evidenziato intensi rincari per larga parte del 2020. Le aziende a campione citano infatti esplicitamente oro, rodio, palladio e argento, come principali materie prime oggetto di aumento.

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.