×
1 466
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization & Agile Transformation
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 set 2019
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Febbre tropicale e moda sostenibile da Marni

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 set 2019

Secondo una certa scuola di pensiero, Francesco Risso, il designer di Marni, sarebbe lo stilista più inventivo del momento a Milano. E a giudicare dalla collezione febbrile e incisiva che ha presentato per la firma italiana venerdì, si tratta di un parere molto saggio.

Marni - Primavera-Estate 2020 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Francesco Risso è un autentico rivoluzionario, un designer che pensa fuori dagli schemi e che si è servito un gran numero di materiali riciclati per creare una serie di look visivamente sbalorditivi, pur esplorando nuovi territori in termini di moda.
 
Nel corso dei tre anni che ha passato da Marni, Francesco Risso ha creato spazi concettuali innovativi per le sue sfilate, questa volta ponendo i suoi ospiti su una serie di sedili cilindrici in cartone riciclato disposti geometricamente.

Ma il fulcro della sua proposta sono state delle stampe pazze (astrazioni floreali e gestuali nei colori primari) fuse con forme audaci. Risso ha davvero un talento innato, ed è stato in grado di proporre degli abiti da sera sapientemente tagliati di traverso, dei corpetti asimmetrici fluttuanti e audaci, degli impertinenti abiti scollati da cortigiane e degli enormi giacconi da marinaio: tutto era semplicemente perfetto.
 
Per i momenti più solenni, il giovane stilista ha mostrato dei blazer e dei cardigan oversize degni dell’alta moda, rifiniti con fiori e piante delle Figi dipinti a mano. E il pubblico è sembrato fremere allo shock provocato da un vestito stupendo, che pareva realizzato con il pescato del giorno e gli strumenti di un pescatore: alghe lanose pescate in acque profonde e vecchie reti da pesca in nylon.

Marni - Primavera-Estate 2020 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


“Ho immaginato di svegliarmi malato, affetto da una malattia tropicale, che comportasse allucinazioni, brividi, sogni insensati. Quella linea sottile che trasforma i bei sogni in qualcosa di inquietante, e il modo in cui la natura è in grado di riconnettersi con il nostro tempo”, ha spiegato lo stilista, che è uscito a salutare in camice da laboratorio, il viso coperto da una pennellata.
 
L'arredamento comprendeva palme rigenerate disposte in un labirinto verde, opera dell’artista Judith Hopf. E la scelta delle acconciature è stata sorprendente: tutte le top esibivano trecce coperte di brina, e molte avevano piante acquatiche che crescevano loro sulla testa – ninfee e altre idrofite. Il tutto accompagnato da una colonna sonora geniale di DJ Frédéric Sanchez, ancora un mash-up, che ha raggiunto l’apice con “Victims of the Riddle” di Toyah.
 
In poche parole, una sfilata che segnerà un’epoca – un Marni organico, che recupera le immagini d’archivio e i materiali estratti da bottiglie di plastica trovate sul fondo degli oceani.

Marni - Primavera-Estate 2020 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


“Francamente, quando sento la parola sostenibile, mi irrita un po'. È così facile usare il termine e molto più difficile tradurlo in atti pratici e azioni reali. Ma è un nuovo inizio, dal momento che abbiamo usato molti materiali organici, come le palme che decoravano il set, che sono cresciute grazie ai rifiuti chirurgici. Questo è il nostro modo di protestare con gioia”, ha spiegato il designer, in questo giorno di sciopero globale per il clima (Global Climate Strike).
 
E quando gli abbiamo ricordato questa manifestazione internazionale, lo stilista ha riso: “In effetti, dovrei smettere di parlare e scioperare a mia volta!”.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.