×
1 259
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 ott 2018
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fast Retailing, trainato dalle esportazioni, esibisce un utile annuo record

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 ott 2018

Anno cardine per Fast Retailing. Per la prima volta dal lancio del suo marchio principale Uniqlo nel 1949, le vendite dell’insegna d’abbigliamento realizzate all’estero sorpassano quelle generate in Giappone, nell’esercizio 2017/18. Un distributore che ha saputo esportare davvero bene il proprio modello di business e che intanto continua ad espandere Uniqlo, soprattutto in Europa e nel Sud-Est Asiatico. Il suo solido bilancio annuale riporta un aumento delle entrate complessive del 14,4%, arrivate a 2.130 miliardi di yen, che corrispondono a 16,44 miliardi di euro.

Il primo negozio olandese dell'insegna Uniqlo è stato inaugurato lo scorso settembre - Uniqlo


Va soprattutto notato che la redditività si rafforza, dal momento che il profitto operativo del gruppo è cresciuto del 34%, stabilendosi a 236,2 miliardi di yen (1,82 miliardi di euro). Un record per il proprietario di Uniqlo, Princesse tam.tam, Comptoir des Cotonniers, Theory, J Brand e GU. Nell’esercizio chiuso il 31 agosto 2018, l'utile netto generato ha invece raggiunto i 154,8 miliardi di yen (1,19 miliardi di euro) mostrando una progressione del 29,8% in un anno.
 
Se ci si concentra unicamente sul marchio Uniqlo, i suoi ricavi in Giappone sono cresciuti del 6,7% (864 miliardi di yen), con un profitto operativo in forte espansione del 24,1% (119 miliardi di yen). A livello internazionale, l’azienda familiare ha generato 896 miliardi di yen di vendite, per un robusto +26,6%, mentre l’utile è esploso del 62,6%, a 118 miliardi di yen, raggiungendo così il livello di profitti generato in Giappone.

In Europa, gli utili del marchio sono raddoppiati, "grazie alle ottime prestazioni in Russia, Francia e Regno Unito". Uniqlo è anche penetrato in nuovi mercati nel corso del periodo: la Spagna, la Svezia e i Paesi Bassi. Inoltre, negli Stati Uniti, dove la catena stava perdendo velocità e aveva deciso di chiudere i negozi meno performanti, il gruppo afferma di essere riuscito a dimezzare la propria perdita operativa, senza specificarne le cifre.
 
In compenso, un segmento non ha di che festeggiare, il ‘Global Brands’, che comprende Comptoir des Cotonniers, Princesse tam.tam, Theory e J Brand. Benché le vendite cumulate di queste etichette siano aumentate del 9,5% nel corso dell’anno, a 154,4 miliardi di yen (1,19 miliardi di euro) – soprattutto grazie a Theory, precisa il gruppo nipponico –, si deve registrare una perdita operativa di 4,1 miliardi di yen (32 milioni di euro), "dopo una svalutazione di 9,9 miliardi di yen su Comptoir des Cotonniers e altre etichette". È prevista una ristrutturazione presso la sede francese di Princesse tam.tam (127 boutique) e Comptoir des Cotonniers (320 punti vendita), dopo che i due marchi hanno perso rispettivamente 4 e 13 negozi durante l’anno.
 
Avendo ingaggiato il tennista Roger Federer per aumentare ulteriormente la visibilità internazionale di Uniqlo, il gruppo giapponese da 3.500 punti vendita prevede di continuare in questo suo slancio anche il prossimo anno, anticipando già una stima per un aumento dell'8% delle vendite e del 14,3% dell’utile operativo. Il boss del gruppo, Tadashi Yanai, intende fare concorrenza (e persino superarli) ai suoi concorrenti Inditex e H&M, in particolare grazie alla creazione di un nuovo sistema logistico con Daifuku per ottimizzare i propri flussi, e alla collaborazione con Google per identificare meglio i propri clienti.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.