×
1 609
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 lug 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fast Retailing rivede al ribasso gli obiettivi per l’esercizio 2021

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 lug 2021

Fast Retailing, gruppo giapponese a cui fa capo la catena Uniqlo, ha abbassato le sue previsioni sui risultati annuali, a causa delle nuove restrizioni sanitarie messe in atto in diversi Paesi, tra cui il Giappone, per contrastare la nuova ondata dell'epidemia di coronavirus.


Reuters


Il Giappone, dove Uniqlo gestisce 800 negozi, ha dichiarato lo stato di emergenza a Tokyo per la quarta volta, due settimane prima dell'inizio delle Olimpiadi. "Con lo stato di emergenza, i consumatori saranno riluttanti a uscire e fare acquisti", ha dichiarato ai giornalisti il ​​CFO del gruppo Takeshi Okazaki. "Riteniamo che questo trend continuerà, quindi abbiamo rivisto le nostre previsioni ".
 
Fast Retailing punta ora a un aumento del 64% dell'utile operativo a 245 miliardi di yen (1,88 miliardi di euro) per l’esercizio fiscale che si chiude a fine di agosto, contro i 255 miliardi di yen inizialmente previsti. Sui 9 mesi, il risultato ha raggiunto i 227,9 miliardi di yen, contro i 134,4 miliardi di un anno prima, quando l'epidemia era in pieno svolgimento.

Il gruppo ha resistito alla crisi meglio della maggior parte dei suoi concorrenti, visto che il business di Uniqlo è concentrato in gran parte su Cina e Giappone, il che ha reso più facile attutire lo shock economico accusato da Stati Uniti ed Europa.
 
Uniqlo Japan ha registrato un forte aumento del giro d’affari e dell'utile nei primi nove mesi, con un fatturato di 675,1 miliardi di yen (+ 12,7% su base annua) e un utile operativo di 119,5 miliardi di yen (+ 51%).
 
Un'altra buona notizia è che i ricavi dell'e-commerce sono aumentati grazie alla continua espansione delle operazioni di vendita online. Ma nel complesso, la performance del terzo trimestre di Uniqlo Japan è stata inferiore al suo piano aziendale.
 
Uniqlo International ha registrato una crescita delle entrate e un forte aumento dell'utile nei primi nove mesi, con ricavi in ​​salita del 9,8% a 739,6 miliardi di yen e utile operativo in aumento dell'88,7% a 97,7 miliardi di yen.
 
Tutte le regioni hanno registrato una significativa ripresa dell'attività nel terzo trimestre e il mercato della Cina continentale ha conosciuto un forte aumento di ricavi e utili. Anche la Corea del Sud ha registrato performance positive in termini di utile operativo.
 
Il Nord America e l'Europa hanno assistito a una significativa crescita dei ricavi e a minori perdite operative durante il periodo, poiché la situazione del Covid è migliorata in queste aree.
 
Il gruppo Fast Retailing possiede anche diversi marchi, tra cui Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam Tam. La società ha dichiarato che il fatturato del segmento Global Brands è diminuito e le perdite operative sono aumentate durante i primi nove mesi. I ricavi sono scesi del -3,3% a 80,5 miliardi di yen e il segmento ha registrato una perdita operativa di 8,9 miliardi di yen, rispetto a una perdita di 6 miliardi di yen un anno prima.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.