×
1 840
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
8 apr 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fast Retailing (Uniqlo) rivede al rialzo gli obiettivi per il FY 2020/21

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
8 apr 2021

Il colosso giapponese dell’abbigliamento Fast Retailing, conosciuto soprattutto per il suo brand principale Uniqlo, ha rivisto leggermente i suoi obiettivi di fatturato e utile operativo per l’anno fiscale 2020/21, grazie a un primo trimestre superiore alle attese.


Capsule collection Uniqlo x JW Anderson per la PE 2021 - Uniqlo


Il gruppo prevede oggi un giro d’affari di 2.210 miliardi di yen (17,01 miliardi di euro) per l’esercizio iniziato il 1° settembre scorso, contro una precedente stima di 2.200 miliardi di yen, in crescita del 10% rispetto all’anno fiscale 2019/20. L’utile operativo dovrebbe attestarsi a 255 miliardi di yen (anziché 245 miliardi), registrando un balzo del 70,7% rispetto all’esercizio precedente.
 
Il gruppo non ha però modificato gli obiettivi per l’utile netto, rimasti a 165 miliardi di yen, che rappresenterebbero un aumento dell’82,6% rispetto all’anno prima, segnato dalla crisi sanitaria mondiale, e un ritorno ai suoi profitti record di prima della pandemia.

“Abbiamo alzato le nostre previsioni annuali per riflettere la performance migliore del previsto nel primo semestre, ma le nostre stime per il secondo semestre restano invariate”, ha spiegato in un comunicato Fast Retailing, che a inizio anno è diventato il gruppo di distribuzione di moda più valorizzato al mondo in termini di capitalizzazione borsistica, davanti a Inditex e H&M.
 
Nei primi sei mesi dell’esercizio in corso la società ha generato un utile netto di 105,8 miliardi di yen, vale a dire una progressione del 5,4%; l’utile operativo semestrale è cresciuto del 22,9% a 167,9 miliardi di yen, grazie soprattutto al dinamismo di Uniqlo in Giappone e in Cina.
 
Tuttavia, il giro d’affari globale del gruppo è rimasto invariato nel periodo, a 1.202,8 miliardi di yen (-0,5%). La forte progressione delle vendite di Uniqlo in Asia, infatti, è stata controbilanciata dal crollo nelle altre aree del mondo, come il Nord America e l’Europa, a causa del Covid-19.
 
A parte Uniqlo, la società ha dichiarato che il fatturato dei suoi brand internazionali, che includono Princesse tam tam, Comptoir des Cotonniers, Theory e PLST, è calato del -22,2% nel primo semestre, a 54,5 miliardi di yen (420 milioni di euro).
 
Fast Retailing non ha rivelato il bilancio di ogni singolo marchio, ma ha evidenziato il fatto che il brand Comptoir des Cotonniers "ha registrato una forte flessione dei ricavi e una perdita operativa più importante a causa della chiusura temporanea dei negozi”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.