×
1 130
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 feb 2022
Tempo di lettura
7 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fashion Week di New York: ai confini del possibile

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 feb 2022

A New York stiamo assistendo a un sempre maggiore spostamento delle sfilate più prestigiose e spettacolari, che attualmente si svolgono sia a est della Grande Mela, sulle rive dell'East River, sia a ovest, sulla punta del Fiume Hudson. Al contrario, vari stilisti affermati hanno portato i loro show in varie location di Manhattan. Tutte ottime sfilate e collezioni, capaci di scaldare i cuori di un pubblico infreddolito dal freddo pungente di questi giorni newyorkesi.
 
Gabriela Hearst
 
Gli ospiti che sono venuti a vedere la sfilata di di Gabriela Hearst all'ex Brooklyn Navy Yard si sono chiesti cosa abbia spinto la stilista a scegliere un luogo così remoto: un enorme magazzino arrugginito che un tempo ospitava navi da guerra. Manhattan pullula di spazi disponibili in questi giorni, e molti di essi hanno ospitato eventi di moda questa settimana.

Gabriela Hearst - Autunno-Inverno 2022 - New York - Gabriela Hearst


Era per una questione di distanziamento sociale? Forse. Ma una volta seduti, gli invitati si sono ritrovati spalla a spalla nel vasto spazio ghiacciato riscaldato da enormi stufe. Come suo solito, Gabriela Hearst ha offerto ai propri ospiti piatti con mezé orientali, bevande calde e alcolici forti.
 
Altra ipotesi: lo spazio grezzo, privo di un punto di vista fisso, potrebbe alludere al concetto di androginia che ha ispirato la stilista in questa stagione. La designer ha fatto riferimento al professor Emanuele Lugli della Stanford University, citato nel programma - secondo lui, l'androginia era un tempo privilegio di divinità, angeli e re sacri che rifiutavano di essere ancorati a una sola apparenza. Il vuoto dello spazio ha permesso agli ospiti di interpretare la collezione come meglio credevano, senza preconcetti.

L'artigianalità e l'attenzione ai dettagli per cui Gabriela Hearst è rinomata sono state onnipresenti in tutta la collezione. Lo show si è aperto con una serie di abiti all'uncinetto accentuati da un tocco di giallo e da trench in pelle decorati con delicati ricami che ricordano lo stile di un’armatura e anche da tagli al laser che hanno conferito ai cappotti un effetto-pizzo - nobilitazione che si trovava anche su un abito a canotta in pelle. È stata Amber Valletta a chiudere lo show, vestita con un abito molto aderente, con scarpe in stile maschile e privata di qualsiasi trucco visibile sul viso, in modo da accentuare l'impressione di fluidità di genere che ha pervaso l'intero défilé. Hanno sfilato anche modelli non binari, avvolti nei tradizionali tailleur. La stilista ha indicato nel programma della sfilata la sua intenzione di fare una donazione all'Ali Forney Center, un centro di assistenza diretta ai giovani LGBTQ+ senzatetto.
 
Tocchi di giallo e terracotta, tonalità must-have della stagione, sono apparsi su alcuni look monocromatici in maglia. Gabriela Hearst ha dato libero sfogo al suo gusto per l'arte con un poncho i cui motivi sono stati ispirati da un'opera di Ana Martinez Orizondo. OmgCornello, un gruppo di percussionisti di strada, ha fornito la colonna sonora della sfilata, percuotendo dei secchi bianchi rovesciati.
 
Gabriela Hearst è una delle designer più essenziali nel calendario, un po’ indebolito, della settimana della moda di New York. Hearst è in grado di andare avanti al suo ritmo e di mostrare le sue collezioni dove le pare, incoraggiando gli altri a seguire, come fa lei, il proprio percorso.
 
Coach
 
“Long ago, and, oh, so far away”. Inizia così il motivo di successo del 1971 “Superstar”, dei Carpenters, interpretato dalla defunta Karen Carpenter dalla voce angelica. La canzone del duo pop degli anni '70 ha contribuito a creare l'atmosfera giusta durante lo show concepito da Stuart Vevers per l'autunno 2022 di Coach.

Coach - Autunno-Inverno 2022 - New York


Lo scenario e la sfilata richiamano una piazza di una cittadina di provincia americana. A Basketball City, il designer ha allestito un set raffigurante delle facciate di case, una vecchia carrozza del treno, bambini in bicicletta e un levriero afgano che passeggia al tramonto, quando l'ora dorata sembra allungarsi pigramente. Queste influenze prettamente americane sono al centro dell'ispirazione del direttore artistico, che ha preso le redini della casa di moda nel 2013.
 
Premete ora il pulsante di avanzamento rapido di quasi un decennio e osservate come oggi questa filosofia di design si stia dirigendo chiaramente verso la Generazione Z, anche se gli accessori e i cappotti alla moda potrebbero piacere più che altro a una fascia di età un po’ più attempata. Ultimamente, Stuart Vevers sta cercando di affascinare i più giovani e le tribù urbane. Una politica che consente alla casa madre di Coach, Tapestry Inc., di puntare per il 2022 a un fatturato superiore ai 5,746 miliardi di dollari di entrate registrati nel 2021.
 
A Coachville, negli Stati Uniti, nessuno sembra preoccuparsi di questioni così banali. I residenti godono di una vita semplice, vestiti con i capi trendy più essenziali. Ultimamente, anche Coach si sta a sua volta dedicando a proporzioni oversize, che piacciono tanto ai più giovani. Per chi predilige un'estetica maschile, sarà necessario attingere alle giacche di montone, ai pantaloncini da surf baggy e alle t-shirt sovradimensionate. Ispirati alla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni '70, gli abiti sembrano ricalcati sugli abiti delle bambine. Per le ragazze, pensate a Mia Farrow in Rosemary's Baby. Gli abiti sono corti e civettuoli con chiffon stampati a fiori, colletti alla Peter Pan e dettagli in pizzo; alcuni sono persino realizzati all'uncinetto traforato.
 
“Le mie collezioni spesso iniziano con un sentimento e, per l'autunno, quel sentimento è l’amore”, ha affermato Stuart Vevers. “Per esprimere tutto ciò, la collezione esplora le tensioni tra romanticismo e durezza per riesaminare l'eredità di Coach. Mi piaceva l'idea di creare un mondo nostalgico da qualche parte in America e osservarlo attraverso un grandangolo, fondendo l'energia di oggi con la nostalgia della cultura pop che mi ha sempre ispirato”.
 
In effetti, le tensioni sono onnipresenti. Un dolce quartetto di outfit è stato subito seguito da un biker vestito di pelle dalla testa ai piedi; un fenomeno che Stuart Vevers descrive nella “Coach Neighborhood Newsletter”, distribuita agli ospiti e nelle note post-show. Anche le città americane più banali hanno il loro lato oscuro. Però qui Stuart Vevers presenta una linea di capi in pelle ispirati agli archivi della maison, tra cui una borsa del 1964, da far scoprire alle nuove generazioni. Dopotutto, Coach è una griffe di pelletteria. Alla fine della sfilata è questo materiale che domina, con una stampa graffiti di Mint+Serf.
 
Un tono nostalgico e caloroso, dunque. Celebrità, personalità e influencer erano presenti in forze per supportare Coach: Megan Thee Station, Hari Nef, Tommy Dorfman, Quincy Brown, Rina Sawayama, Bob the Drag Queen e Rickey Thompson erano tutti della partita. Esattamente il tipo di abitanti che Stuart Vevers immagina per Coachville.
 
Carolina Herrera
 
La sfilata di Wes Gordon per Carolina Herrera si è svolta la mattina di San Valentino. È una coincidenza? In ogni caso, la collezione celebra l'amore e fa venire voglia di amare. Gli eleganti abiti da cocktail e i sofisticati vestiti da sera sono decorati con influenze latine e regalano entrate molto teatrali.

Carolina Herrera - Autunno-Inverno 2022 - New York - Carolina Herrera


Sullo sfondo, riconosciamo le note dell'opera “Carmen” del compositore francese Georges Bizet, con una versione per chitarra di “L’amour est un oiseau rebelle” (conosciuta anche come “Habanera”).
 
“C'è un lato drammatico, un'audacia e una bellezza che cerco sempre di catturare nella collezione, che è in sinergia con la cultura latina”, spiega durante un'intervista dopo la sfilata. “La donna Carolina Herrera è coraggiosa, sicura di sé e ama i vestiti stravaganti. Indipendentemente dalla sua nazionalità, le piace fare una forte impressione. Credo che sia giunto il suo momento”, continua. “L'ho visto davvero. La gente è felice di indossare i vestiti. Non compriamo più un vestito per un'occasione speciale. Si comincia acquistando l'abito prima di inventare tutti gli eventi possibili per indossarlo”.
 
In effetti, i vestiti sono uno spettacolo in sé. Gli abiti da serata di gala strizzano l'occhio all'età d'oro di Hollywood, con un cardigan aderente in maglia e pantaloni skinny a sigaretta nascosti sotto una voluminosa gonna in taffetà con strascico. La tensione regna sulle sagome snelle, che ricordano i costumi da matador. I volumi sono onnipresenti, come le maniche gigot che si ritrovano lungo tutta la sfilata. Perline e paillette portano glamour in abbondanza.
 
E il colore non fa eccezione. Una gonna a balze ricorda un dipinto espressionista con la sua vita gialla, la gonna nera e la fodera rosa. Un altro abito, dal canto suo, abbina nero, blu Klein e azzurro. Uno squisito vestito smanicato rosso, rosa e viola in tulle affascina e richiama l'attenzione sull'altro punto forte della collezione: le forme.
 
Le silhouette sono notevoli come tutto il resto. Chiudono la sfilata diversi abiti in tulle con scollo a palloncino, in diverse versioni. Forse i pezzi più notevoli di Wes Gordon.
 
“Sono ossessivamente compulsivo quando disegno i vestiti. La maggior parte dei capi che avete visto sono stati tagliati quattro o cinque volte in mussolina prima di essere tagliati nel loro vero tessuto”, spiega. Questo tipo di artigianato rivaleggia con le case di moda europee.
 
“Sono molto fortunato a lavorare in Carolina Herrera, che ha lo studio qui a New York”, aggiunge.
 
Un atelier a cui Gordon ha voluto rendere omaggio al termine della sfilata. Dopo l'inchino, ha portato sul palco due uomini di una certa età, vestiti con abiti bianchi. I due hanno assistito alla loro ultima sfilata prima di andare in pensione, rispettivamente dopo 19 e 22 anni trascorsi a lavorare per Carolina Herrera. L'evento è stato organizzato in un negozio vuoto (ce ne sono molti a New York in questo momento) nel distretto di Flatiron, culla dell'industria tessile newyorkese.
 
“Sono insostituibili, ma fortunatamente abbiamo altri designer e sarti di talento che si uniscono al team”, ha affermato Wes Gordon. Poco prima, lo stilista ha sottolineato l'importanza di godersi ogni momento, cosa che probabilmente la maggior parte degli spettatori ha fatto per tutta la durata della sfilata.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.