×
1 033
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
15 mar 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fabrizio Grassi (Aldo Bruè): “Le istituzioni devono intervenire per preservare il Made in Italy”

Pubblicato il
15 mar 2022

È un appello accorato quello raccolto a Micam da FashionNetwork.com, da parte di Fabrizio Grassi, titolare da una decina d’anni, insieme a Maurizio Ciambella, del brand marchigiano di calzature d’alta gamma Aldo Bruè. L’imprenditore si rivolge alle istituzioni, invocando una serie di interventi da attuare subito per tutelare l’artigianalità delle maestranze italiane. Pena la perdita del Made in Italy.

Fabrizio Grassi e Maurizio Ciambella

 
“Negli anni ci sono sempre stati mercati in crescita e mercati in contrazione, che si bilanciavano tra loro. Oggi viviamo una situazione diversa, in cui la pandemia prima, con annesse conseguenze sui consumi, e la guerra dopo, fanno sì che questa compensazione tra le diverse aree non ci sia più”, afferma Grassi. “Per quanto riguarda la nostra zona, il fermano, circa il 40% dell’export era verso la Russia e i Paesi dell’Est; noi per primi stavamo cercando di conquistare quote di mercato con le collezioni donna in Russia, Ucraina e Bielorussia. Al di là dell’esito del conflitto, che speriamo si concluda al più presto, si tratta di mercati che per molte stagioni non saranno più quelli di prima. Ma non solo: i turisti russi, insieme a quelli cinesi, rappresentavano un’importante fetta di consumatori del lusso Made in Italy, che attualmente non c’è più”.
 
Secondo Grassi, dunque, le istituzioni sia a livello nazionale che locale dovrebbero intervenire al più presto, per evitare che tali conseguenze portino al peggio. “Per uscire da una situazione del genere occorre una sensibilità che finora chi ci governa non ha mai dimostrato. Urgono interventi immediati e concreti: ad esempio, si potrebbe estendere il bonus del 110% anche ai lavori di rinnovamento dei capannoni industriali, in modo che le aziende possano iniziare a produrre internamente energia, contrastando l’innalzamento dei prezzi; bisogna ridurre quanto prima il costo del lavoro, che sta diventando insostenibile; e serve aiutare le imprese (che spesso si ritrovano con grandi quantitativi di merce già prodotta ma rimasta invenduta) a pagare i propri fornitori, per tutelare la filiera nel suo complesso. A questo dovrebbero servire le banche! Loro dovrebbero fare sistema, e non solo pensare a estrarre valore senza rischiare nulla”.

Una filiera composta da risorse specializzate che, sottolinea Grassi, sono il vero valore del Made in Italy, ma che se non riusciranno più a vivere del loro lavoro dovranno per forza adattarsi a fare qualcos’altro, facendo così scomparire quell’artigianalità che da sempre contraddistingue l’Italia nel mondo.
 
“Servono interventi strutturali per tutelare i distretti e quella microeconomia che è fondamentale per l’Italia, in tutti i settori”, conclude l’imprenditore marchigiano, che non rinuncia però a combattere. “Oggi è molto difficile individuare le strategia migliore. Continueremo a investire sul prodotto, come abbiamo fatto negli ultimi 10 anni, per aggiornare le nostre collezioni, da sempre molto classiche, a un gusto internazionale che attraverso il digitale si è via via sempre più uniformato. Abbiamo aggiunto uno stile urban alle nostre proposte, ampliando l’offerta casual e street per adattarci alle nuove esigenze di consumo imposte dalla pandemia. Avevamo diversi store monomarca, ad esempio a Milano, a Hong Kong, in Corea e in Indonesia, che abbiamo dovuto chiudere in attesa di tempi migliori. Distribuiamo ancora i nostri prodotti in 35 Paesi del mondo, all’interno di qualche centinaio di store multimarca, ma gli acquisti sono molto diminuiti”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.