×
1 361
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
International Business Development (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
CONFIDENTIAL
E-Commerce-Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
NUOVA TESI
Responsbaile Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MODENA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
Pubblicato il
6 ott 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Export calzature italiane verso la Russia in calo del 20%

Pubblicato il
6 ott 2014

Dopo un quadriennio di crescita, il 2014 è all’insegna delle difficoltà per la Russia e i mercati della Comunità Stati Indipendenti (CSI). La grave crisi politica tra Russia e Ucraina, con le sue profonde implicazioni nei rapporti con l’Unione Europea e gli Stati Uniti, ha amplificato le difficoltà congiunturali, determinando un brusco rallentamento degli ordini anche nel calzaturiero Made in Italy.

Collezione PE 2015 Le Babe, presentata a TheMicam nell'edizione di settembre 2014 - Foto di Patrizia Franzese


Secondo i recenti dati Istat elaborati da Assocalzaturifici, nel primo semestre 2014 l’export di calzature verso la Comunità degli Stati Indipendenti è sceso di quasi il 20% in valore, passando da 400 a 321 milioni di euro. La flessione è stata del 17,7% in quantità (da 5,6 a 4,6 milioni di paia) rispetto allo stesso periodo del 2013.

La Russia era a fine 2013 il nostro quinto mercato di destinazione in valore e il settimo in volume. Ucraina e Kazakistan, gli altri due principali acquirenti dell’area, occupavano il sedicesimo e il ventisettesimo posto nella graduatoria valore. Il peso dell’intera CSI sulle vendite estere di calzature italiane superava il 10% in valore; nel 2000 tale quota era ferma al 3,7%. L’incremento in valore, dal 2000 al 2013 è stato, al netto dell’inflazione, del 152%. In termini di volume del 74%.

Mario Valentino, Collezione PE 2015 presentata a TheMicam nell'edizione di settembre 2014 - Foto di Patrizia Franzese


Una crescita prolungata – interrottasi bruscamente nel 2009 per gli effetti della crisi economica mondiale – che aveva ripreso vigore nel 2010 giungendo, nel 2013, al pieno recupero dei livelli 2008. Negli ultimi 15 anni la CSI è risultata, assieme al Far East, tra le aree mondiali più dinamiche, con una spiccata preferenza verso la fascia alta della produzione Made in Italy: il prezzo medio (77,58 euro/paio nel 2013) è più che doppio rispetto alla media dell’export italiano complessivo (pari a 36,73 euro).

Flessioni a due cifre – secondo i dati Eurostat elaborati da Assocalzaturifici – per i primi 3 fornitori, da cui provengono 6 calzature su 10 in arrivo dalla UE: Italia, Polonia (-12,3% in valore) e Germania (-14,2%). Complessivamente l’Unione Europea ha esportato in CSI 21,8 milioni di paia per 659 milioni di euro, con cali del -12,1% in valore e del -4% in quantità rispetto al primo semestre 2013. La quota dell’Italia sul totale UE sfiora il 50% in valore (48,7%), e si attestata invece al 21% in volume. Il prezzo medio delle scarpe importate dall’Italia (69,90 euro) risulta tre volte e mezzo superiore alla media degli altri fornitori UE.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.