×
1 451
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

Estée Lauder: ottavo trimestre consecutivo di crescita

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 5 feb 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nel secondo trimestre del proprio esercizio 2018/19, chiuso il 31 dicembre 2018, il gruppo statunitense di cosmetici Estée Lauder ha pubblicato un fatturato di 4,01 miliardi di dollari (3,51 miliardi di euro), in crescita del 7% rispetto alllo stesso periodo di un anno prima. L’utile netto della società, che comprende nel proprio portafoglio marchi come La Mer, M.A.C, Clinique o Too Faced, ammonta invece a 573 milioni di dollari, contro i 123 milioni dello scorso anno.

Estée Lauder è fiducioso, perciò rivede al rialzo le sue previsioni - DR


“Abbiamo realizzato un’eccellente performance nel secondo trimestre del nostro esercizio. È importante sottolineare che si tratta dell’ottavo trimestre consecutivo di crescita per le nostre vendite (…) Le nostre migliori percentuali di crescita interessano la regione Asia-Pacifico e la maggioranza dei nostri brand, soprattutto Estée Lauder, La Mer, M.A.C e le marche di profumi artigianali (come By Kilian, ndr.)”, indica Fabrizio Freda, il CEO del gruppo Estée Lauder.
 
Nel dettaglio, le vendite del gruppo sono state trainate dal segmento dei prodotti per la cura della pelle, che con Clinique o Origins ha totalizzato vendite per 1,7 miliardi di dollari, salendo del 16%. Con un giro d’affari di 1,56 miliardi di dollari, il make-up registra un incremento delle vendite del 3%, mentre i profumi scendono del 5%, a 537 milioni di dollari, un calo tuttavia contenuto dalle prestazioni di Jo Malone London, Le Labo, Tom Ford Beauty e By Kilian. Infine, il segmento dei prodotti per la cura dei capelli è in crescita del 7%, a 154 milioni di dollari.

Analizzando le performance per zone geografiche, la regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) resta la principale area di business per il gruppo, con un fatturato di 1,76 miliardi di dollari, in crescita del 7%, trascinata soprattutto dal Medio Oriente e dal mercato russo. La zona Asia-Pacifico sale invece del 17%, a 1 miliardo di dollari, mentre l’area dellle Americhe vede diminuire le vendite del 7%, a 1,2 miliardi di dollari.
 
Per i primi 6 mesi dell’anno, il gruppo Estée Lauder registra un fatturato di 7,53 miliardi di dollari, in salita del 7%. Per la totalità dell’esercizio il gruppo punta su una crescita dal 5 al 6%, contro il 4-5% delle ultime previsioni del primo trimestre. Il gruppo statunitense è dunque fiducioso, nonostante i numerosi fattori di criticità che indica, come i costi che la Brexit potrebbe generare, le nuove tasse doganali che dovrebbero imporsi vicendevolmente gli Stati Uniti e la Cina in assenza di un accordo commerciale o il blocco dei servizi governativi degli USA.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.