×
1 615
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 mag 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Estée Lauder alza ancora i suoi obiettivi finanziari annui

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 mag 2019

Il gruppo statunitense di cosmetici Estée Lauder ha ancora una volta rivisto verso l’alto le proprie previsioni annuali nella giornata di mercoledì, nonostante la coesistenza della Brexit e della guerra commerciale tra Washington e Pechino, fatti di natura tale da poter influenzare le vendite delle sue creme e prodotti per il trucco.

Facebook: Estée Lauder


L’azienda americana prevede ora un netto miglioramento di redditività e fatturato per tutto l'esercizio in corso rispetto a quanto preventivato tre mesi fa.
 
Estée Lauder punta su un utile per azione rettificato, dato finanziario considerato un punto di riferimento in Nord America, che va da 5,15 a 5,19 dollari nell’esercizio che si chiuderà il 30 giugno. La previsione precedente era da 4,92 a 5 dollari, mentre gli analisti finanziari stimano 5,06 dollari in media.

Il fatturato annuo dovrebbe crescere in una forchetta compresa tra il 7% e l’8%, ma a perimetro e cambi costanti l’incremento sarà dal 10% all’11%. In febbraio, Estée Lauder prevedeva un aumento netto delle vendite compreso tra il 4% e il 5%, per una crescita organica dall’8% al 9%.
 
È la terza volta che l'azienda alza i suoi obiettivi finanziari. Questo ottimismo è stato molto apprezzato a Wall Street, dove il titolo cresceva di oltre il 3% negli scambi elettronici pre-sessione.
 
La Cina traina le vendite
 
Gli investitori erano molto soddisfatti del fatto che Estée Lauder sia rimasto fiducioso, nonostante molti fattori suscettibili di gravare sulle sue prossime vendite e che rischiano di limitare le spese dei consumatori.
 
In particolare, la società ha elencato i costi legati alla Brexit, le nuove tasse doganali che Stati Uniti e la Cina prevedono di imporsi in caso di assenza di accordo commerciale, la volatilità delle divise e le chiusure di punti vendita negli USA e nel Regno Unito.
 
“Continuiamo ad osservare una solida (domanda) in molti motori della nostra crescita”, ha spiegato il CEO Fabrizio Freda, citando la regione Asia-Pacifico, la categoria dei prodotti di skincare, e gli articoli venduti con i marchi Estée Lauder, La Mer e Tom Ford.
 
Nei tre mesi chiusi il 31 marzo, e corrispondenti al terzo trimestre del suo esercizio contabile 2018/19, Estée Lauder ha ottenuto un utile netto di 555 milioni di dollari, in crescita del 49,1%.
 
Il dollaro forte ha diminuito i profitti di 146 milioni di dollari, un ribasso limitato da un guadagno di 106 milioni generato da un'ottimizzazione contabile.
 
Il fatturato è aumentato dell’11%, a 3,74 miliardi di dollari, contro i 3,52 miliardi previsti.
 
Questa performance è dovuta alle robuste vendite di creme, i cui ricavi sono saliti del 20,5%, a 1,74 miliardi di dollari, grazie soprattutto ai consumatori di Europa, Medio Oriente e Africa e dell’Asia-Pacifico, Cina compresa.
 
I prodotti del marchio Estée Lauder, della griffe La Mer e dei brand Origins e Clinique hanno registrato solide vendite sul Web, sottolinea l’azienda.
 
I ricavi generati dai prodotti per il make up sono aumentati del 5,25%, a 1,46 miliardi di dollari, mentre il fatturato dei profumi è aumentato del 2,6%, a 392 milioni di dollari.
 
Le vendite di prodotti per capelli sono invece diminuite del 2,1%, a 136 milioni di dollari.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.