×
1 549
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

EssilorLuxottica: alta adesione a OPS, raggiunto il 93% del capitale

Di
Ansa
Pubblicato il
today 29 nov 2018
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Forte come prevedibile l'adesione all'OPS lanciata da Essilor sul titolo Luxottica per la fusione tra i due gruppi: è stata, comprese le azioni già conferite da Delfin, pari al 93% del capitale del colosso italiano dell'occhialeria. Ora, dal 6 al 12 dicembre, si riapriranno i termini dell'offerta e alla fine il titolo Luxottica verrà 'delistato' da Piazza Affari mentre la holding EssilorLuxottica sarà quotata, come stabilito, a Parigi.

Instagram/Luxottica


Gli azionisti di Essilor e Delfin hanno approvato la fusione tra i due gruppi dell'occhialeria. Le votazioni cruciali hanno registrato oltre il 90% dei consensi dei votanti, mentre quelle su remunerazione dei dirigenti e stock option hanno segnato maggioranze inferiori. "Adesso la chiamo Essilux, per accorciare", ha detto precedentemente al voto Leonardo Del Vecchio, presidente esecutivo di EssilorLuxottica, aprendo l'assemblea della fusione tra i gruppi delle montature e delle lenti, che dà vita al gigante mondiale dell'occhialeria da oltre 16 miliardi di euro di fatturato.

"Intendo essere il punto di rifermento di tutti gli azionisti: uniremo il meglio di entrambe le società, senza che una prevalga sull'altra. Per me è il compimento del sogno di una vita”, ha aggiunto Del Vecchio, “con un impegno che testimonia i miei valori e il rispetto di tutti. Siamo due società che hanno sempre mostrato un grande rispetto per il mercato e voglio rassicurare tutti gli azionisti che sia io sia il vicepresidente esecutivo Hubert Sagnières metteremo il massimo impegno per lo sviluppo del gruppo".

"Da Essilor vogliamo ereditare la profonda cultura dell'azionariato diffuso, la capacità di coinvolgere i dipendenti nelle sorti dell'azienda e di promuovere una perfetta convergenza di interessi tra tutti gli stakeholder, a partire dalle nostre persone", ha proseguito il fondatore di Luxottica. "Da Luxottica portiamo al nuovo gruppo le caratteristiche proprie della sua semplicità organizzativa: velocità decisionale e rapidità esecutiva, segno di una proprietà forte e di un azionista di riferimento di lungo corso. Come presidente cercherò di assicurare la piena valorizzazione dei talenti e delle eccellenze delle due società: da oggi ci attende un importante processo di integrazione, che vorremmo improntare all'estrema semplicità e rapidità esecutiva, focalizzando le due società operative Essilor International e Luxottica Group nelle rispettive aree di eccellenza", ha concluso Del Vecchio.

"Il risultato dell'OPS era atteso, ma dimostra la grande fiducia degli azionisti di Luxottica nell'operazione che abbiamo concluso con Leonardo Del Vecchio", ha commentato il vicepresidente esecutivo di EssilorLuxottica, Hubert Sagnières. "Non c'è una presa di controllo rampante di Delfin su Essilor", ha rassicurato Sagnières. "Io e Leonardo Del Vecchio avremo uguali poteri fino al 2020 e Delfin avrà il 31% dei diritti di voto ed è scritto nello statuto: non è un numero magico o che si può superare", ha aggiunto Sagnières, spiegando agli azionisti che il 69% non è in capo alla holding del fondatore di Luxottica e che "il potere e il controllo è nelle vostre mani". "Gli accordi sono solidi e verranno rispettati”, ha concluso il vicepresidente esecutivo di EssilorLuxottica, “e basta con queste voci" anche sulla governance "che hanno avuto un effetto negativo sul morale" di manager e dipendenti.

In apertura dell'assemblea della nuova holding, il direttore finanziario di Essilor, Hillary Harper, ha specificato i tempi per il totale 'delisting' di Luxottica da Piazza Affari, che dovrebbe essere completato "prima della fine del primo trimestre dell'anno prossimo".

EssilorLuxottica avrà l'obbligo di acquisto sui residui 32 milioini di azioni Luxottica non apportate all'offerta con modalità e tempi che saranno comunicati entro il prossimo 4 dicembre.

Intanto, a Milano, Luxottica avanza del 5,5% a 52,2 euro dopo una breve sospensione in asta di volatilità a rialzo, mentre a Parigi il titolo di EssilorLuxottica guadagna il 3,6% a 111,70 euro.

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.