×
1 846
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 lug 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Esplosione creativa alla Milano Digital Fashion Week

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 lug 2020

L’ultima giornata della Milano Digital Fashion Week ha svelato la creatività italiana in tutte le sue forme. Preceduto dalla sorprendente maratona visiva di Gucci e dalla superba performance di Ermenegildo Zegna coi suoi tre chilometri di passerella, Missoni ha concluso questa Settimana particolare con un film che celebra la storia della casa di moda, fatto di foto d'archivio, estratti di sfilate, commoventi testimonianze. Una storia emblematica del Made in Italy, costruita intorno a una famiglia e a uno stile riconoscibile fra tutti, con i suoi famosi zig-zag e mosaici di colori.

Un look post-lockdown immaginato dall'etichetta di Marco Baldassari - Eleventy


Un altro bel marchio italiano è Eleventy, che presenta regolarmente a Milano le proprie collezioni casual-chic composte da maglieria ultraleggera e tessuti pregiati. Nel video, il direttore creativo del marchio milanese Marco Baldassari presenta di persona la collezione per l’estate 2021, che ha pensato per il post-lockdown con una vita radicata nelle proprie case, dallo stile confortevole, ma comunque elegante, come richiede anche il telelavoro.
 
Il guardaroba di Eleventy si declina in quattro universi. Il classico italiano dall'eleganza naturale ispirata a Marcello Mastroianni nel film La Dolce Vita, con completi bianchi casual, giacche reinterpretate con nuovi materiali come il jersey, pantaloni con coulisse e maglie a righe. Un universo urbano con funzionali tute in cotone multitasche per spostarsi in bici. Lo stile “business a casa” - un formale sportivo con sneaker e maglioni da indossare sotto la giacca da banchiere. E infine, la parte denim, con jeans essenziali proposti in diversi lavaggi.

Ancora Made in Italy da Federico Cina, che celebra i valori della sua Emilia-Romagna natale, o da Gall, ma in un registro opposto, con un film dall'atmosfera inquietante e misteriosa, dove strani combattenti con i volti mascherati da passamontagna e cappucci si inseguono in un paesaggio montano desertico sotto una luce fredda. Il video riflette fedelmente l'estetica guerriera e futuristica del marchio, fondato a Roma nel 2014 dallo stilista americano Justin Gall e da Chiara Nardelli, che gestiscono l’azienda, coppia sulla scena moda come nella vita.

Vestiti per avventurieri futuristici dalla giovane etichetta italiana - Gall


Il guardaroba dallo stile attivo da combattente urbano è composto da pantaloni cargo e giacche a vento simili a parka piene di tasche e cerniere, tagliate in tessuti tecnici super performanti dalle proprietà innovative, come nei nylon che possono modificarsi con i movimenti del corpo, o nell'altro tessuto sgualcito color cenere, le cui stampe possono sbiadire, ma anche tornare al loro stato originale.
 
Il designer Andrea Pompilio ha invece trasmesso un film dalla trama oscura, con un uomo e una donna che indossano gli stessi pantaloni dritti blu scuro, una camicia bianca e una giacca maschile nera. I due protagonisti si affrontano in diverse scene simboliche ripercorrendo le sensazioni che ci hanno attraversato negli ultimi mesi.
 
Anche due marchi giapponesi hanno figurato nel programma: JieDa, che ha debuttato nel calendario milanese lo scorso gennaio, e Children of the discordance. Il primo, fondato nel 2007 da Hiroyuki Fujita, forte di un decennio di esperienza nell’industria dell’abbigliamento e nella distribuzione tramite l’insegna multimarca Kikunobu, ha immaginato un minifilm noir, che potrebbe collocarsi negli anni '80.

Ambientazione da film noir per il marchio giapponese - JieDa


Vi possiamo seguire un gruppo di ragazzacci in una Tokyo notturna, coi loro corpi che fluttuano in abiti oversize. Le cravatte sono sproporzionate, punteggiate dalle iniziali gotiche dell'etichetta, proprio come le grandi camicie a collo largo, mentre i pantaloni sono indossati lunghi con le pinces o corti e svasati. Una collana di perle spicca su un dolcevita nero, così come su poster con pin-up Fifties stampati su una camicia o nella fodera di una giacca.
 
Dopo aver debuttato nella boutique Ships e lanciato nel 2005 il multimarca di ricerca Acycle nel quartiere Harajuku di Tokyo, Hideaki Shikama crea con alcuni amici Children of the discordance nel 2011, che gestisce in solitaria dal 2013. Il video ricrea il suo universo ispirato alla cultura di strada seguendo degli skateboarder in un giro notturno a pochi centimetri dall'asfalto, mentre indossano un tipico guardaroba streetwear dai volumi molto larghi.
 
L'enfasi è posta su tessuti e stampe, realizzati personalmente dallo stilista, che danno una particolarità a questa collezione ricca di dettagli, come nella maglia a losanghe ricamata a giorno, nelle camicie patchwork con motivi etnici dallo spirito tribale, o nel grosso pesce ricamato sul dorso di una giacca.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.