×
1 608
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 ago 2018
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Esclusiva: Gildo Zegna parla dell’acquisto di Thom Browne, e di come ha già iniziato a produrre il designer americano

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 ago 2018

Gildo Zegna, il CEO del gruppo biellese Ermenegildo Zegna, che ha appena acquistato la casa di moda newyorchese Thom Browne, ha una confessione da fare. Ancor prima d’aver firmato ufficialmente il contratto da mezzo miliardo di dollari per comprare Thom Browne, aveva già iniziato a produrre parti della collezione dello stilista americano.

Gilda Zegna, Amministratore Delegato di Ermenegildo Zegna - Foto: per gentile concessione del gruppo Ermenegildo Zegna


“Suppongo che ci siamo spinti un po’ oltre! Ma negli ultimi mesi abbiamo già iniziato a produrre una piccola parte della collezione per la primavera-estate 2019 di Thom. Quindi, abbiamo già mosso i primi passi”, sorride un compiaciuto Gildo Zegna nel corso di una telefonata dal suo ufficio nella zona sud di Milano.
 
Il CEO era in uno stato d'animo esuberante. E del resto è appena riuscito ad esaudire un sogno di lunga data – comprare una casa di moda molto trendy con una significativa componente femminile.

“Ovviamente, stavamo cercando qualcosa [di simile] e questa occasione si è presentata in modo quasi casuale. È un buon momento per fare affari e siamo stati veloci e determinati. Thom Browne sa veramente ciò che vuole e ha un fantastico team; con un fortissimo CEO, Rodrigo Bazan, e un grande direttore del marketing e della comunicazione nella persona di Tommaso Galli”, ha aggiunto Zegna.
 
In effetti, l'accordo ha rappresentato anche un incontro della vecchia scuola Gucci, visto che Bazan ha iniziato la sua carriera come consulente finanziario per il Gucci Group a Firenze, quando Domenico de Sole era il CEO. Lo stesso de Sole che faceva parte del board di Sandbridge Capital, che ha acquistato il controllo di Browne nel 2016 per poi oggi vendere il brand proprio a Zegna.
 
“Non abbiamo concluso [l’operazione] attraverso alcuna banca; vi ci siamo buttati a capofitto, specialmente perché Sandbridge è molto competente; siamo andati d'accordo con Thom e siamo stati aiutati da Domenico de Sole. Chiamatelo un buon lavoro di squadra all’italiana!”, ha detto Zegna con una risata.
 
Gildo ha confessato di non aver mai assistito a una sfilata di Browne, “ma ho visto parecchi video e di sicuro verrò a vederlo a Parigi”.
 
Il prossimo show di Browne è previsto per domenica 30 settembre. Con questo accordo, Thom Browne diventa il terzo fra i principali marchi di moda a sfilare nelle grandi stagioni delle passerelle di Milano e Parigi a cambiare proprietà – dopo Dries Van Noten e Missoni.

Thom Browne - Primavera-Estate 2019 - Menswear - Parigi - © PixelFormula


Chiediamo a Gildo, noto universalmente per il suo elegante e raffinato stile da italiano del nord, se ha intenzione di indossare uno dei completi da ragazzino tagliati alle caviglie, tipici dello stile di Browne.
 
“Ehm… Perché no? Adoro la sua maglieria e i suoi jersey, e quindi forse per un po’ li indosserò”.
 
Il dirigente italiano ha aggiunto che le parti hanno iniziato a parlare solo nella tarda primavera. E ha sottolineato che ha immediatamente apprezzato un business redditizio e ben gestito, con solide prospettive di crescita. Browne non comunica cifre, ma si ritiene che si avvicinerà a 150 milioni di dollari di entrate quest'anno.
 
“Ma quando ho visto che c’era un’apertura ci siamo riuniti immediatamente. Ho incontrato Thom un paio di volte e poi le cose si sono mosse rapidamente - in silenzio e in modo efficiente. Vogliamo mantenere Thom indipendente. Il nostro lavoro è di supporto. Vedo i tessuti ricoprire un ruolo di primo piano e un po' di manifattura”, ha detto Zegna, il cui team che lavora sui tessuti è forse il più avanzato di tutto il settore della moda maschile a livello globale. Dal Techmerino per abiti lavabili in lavatrice al madras degradé proposto in stampe tecnologiche dalle infinite variabili.
 
“Vedremo passo dopo passo [cosa faremo] nei tessuti. Voglio davvero portare Thom al nostro stabilimento. E fargli vedere il nostro ‘su misura’. Non posso dire che tipo di investimenti di capitali faremo. Del resto, Thom Browne l’abbiamo appena acquisito. Ma per crescere devi investire. È logico”, ha concluso Gildo Zegna.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.