×
758
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Technical Sales - Adesivi - Chimica - Home Office
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Plant Controller
Tempo Indeterminato · CERRETO GUIDI
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
E-Commerce & Content Manager
Tempo Indeterminato · VICENZA
MICHAEL PAGE ITALIA
Sales Manager Italia - Produzione Abbigliamento Conto Terzi
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Impiegato Ufficio Tesoreria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Gaming Projects Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Art Direction - Watches & Jewelry
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
HR Retail Business Partner
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DIESEL
Global Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Digital ed E-Commerce Per Brand Sneakers Veneto
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Collezione Maglieria
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Associate Leather Goods Merchandising Manager
Tempo Indeterminato ·
MANPOWER PROFESSIONAL
Responsabile di Produzione Abbigliamento Romania
Tempo Indeterminato · MODENA
MANPOWER PROFESSIONAL
Export Manager Arredamento Design
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · PADOVA
DIESEL
E-Commerce & Omnichannel Project Manager
Tempo Indeterminato · BREGANZE
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sales Manager
Tempo Indeterminato · VICENZA
FOURCORNERS
Responsabile Area Acquisti
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Analista Funzionale Microsoft Dynamics ax/365
Tempo Indeterminato · MODENA
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Ict
Tempo Indeterminato · TREVISO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
23 lug 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Effetto covid sulla Moda: 300mila lavoratori a casa e impennata della disoccupazione

Di
Ansa
Pubblicato il
23 lug 2020

La crisi economica generata dalla pandemia ha profondamente impattato sul settore della moda italiana. Fiore all'occhiello della nostra manifattura, con un fatturato di 80 miliardi di euro e 500 mila occupati. L'emergenza Covid ha falciato il comparto, come dimostrano i dati di uno studio messo a punto da Ey, Cdp e Luiss Business School.


Le conseguenze dell'epidemia hanno lasciato a casa "circa 300 mila persone", avverte la responsabile mercati dell'area mediterranea di Ey, Stefania Radoccia. Per la gran parte artigiani, impiegati in aziende piccole, se non piccolissime. Finché dura il blocco dei licenziamenti manterranno il posto, ma sul dopo c'è un grande punto interrogativo. Le analisi economiche parlano da sole: nel 2020 la crescita della disoccupazione nel comparto potrebbe oltrepassare il 38%.

Lo studio e il dibattito con gli attori del settore, in versione 'digital talk', invitano però a non rassegnarsi. Se è vero che si tratta di un tessuto imprenditoriale fatto di realtà 'micro' è anche vero che le stesse sono capaci di mettere su "un saldo commerciale positivo per 33 miliardi, ovvero 2 punti di Pil, questo al 2019", fa presente il capo economista di Cassa depositi e prestiti, Andrea Montanino. Quindi "ci sono speranze positive".

Per un comparto che negli ultimi dieci anni non è stato affatto fermo, mettendo a segno una "crescita della produttività doppia rispetto al resto". Certo adesso ci si confronta con un aprile disastroso, -83% per le vendite. E un problema specifico del settore, rileva Montanino: allo shock della domanda "si somma" quello dell'offerta. Le collezioni già prodotte e rimaste nei magazzini probabilmente non vedranno mai il mercato. Lo shopping non può che risentire della situazione. Il turismo al rallenty non aiuta. Basti pensare, sottolinea il capoeconomista di Cdp, che lo scorso anno una fetta tra "il 14% e il 15% degli stranieri venuti in Italia" è arrivata nella Penisola per visitare negozi e portare a casa prodotti Made in Italy.

Il rapporto con l'estero cambia ma non bisogna vedere nero. "Tutti auspichiamo di assistere, nel medio termine, a un reshoring (rientro, ndr) delle produzioni anche nel settore della moda, non solo in Ue ma anche in Italia", dice il direttore della Business School della Luiss, Paolo Boccardelli. Un processo contrario alla delocalizzazione. La raccomandazione è puntare "sul digitale" affiancando alla rete commerciale un rafforzamento dei canali online. L'innovazione deve però riguardare anche il prodotto, "i materiali", raccomanda Boccardelli. Tessuti e confezioni eco-friendily in primis.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.