×
1 565
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Edward Crutchley e Colovos hanno vinto l’International Woolmark Prize

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 18 feb 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Evento fra i principali della London Fashion Week è stato l’annuncio dei vincitori dell’International Woolmark Prize 2019 da parte del comitato di 12 giurati, tra i quali Alber Elbaz, Laura Brown, Sinead Burke e Floriane de Saint Pierre, che hanno collaborato con i rappresentanti del Woolmark Prize. I vincitori di quest’anno sono Edward Crutchley e Colovos.

Edward Crutchley, Nicole e Michael Colovos


A prevalere nella categoria maschile – ed anche ricompensato con il premio all’innovazione – è stato Edward Crutchley, uno specialista di tessuti e materiali. Dapprima di stanza da Pringle of Scotland, in seguito Crutchley è stato consulente per Kanye West, per poi collaborare con Louis Vuitton come consulente per design e abbigliamento e quindi diventare il direttore dei materiali della maison Christian Dior lo scorso aprile.
 
Concentrandosi sui tessuti artigianali e su un approccio sostenibile, lo stilista inglese attraverso la sua collezione ha voluto esprimere “un nuovo modo di esplorare le frontiere delle forme, delle silhouette e delle superfici”, e punta sulla creazione di stampati grafici dalle molteplici ispirazioni, un approccio “che mi ha permesso di creare il mio marchio già 10 stagioni fa e di distribuirlo presso i migliori punti vendita mondiali, da Harrods, Browns, Isetan, Boon the Shop, e anche alle Galeries Lafayette”.

La collezione di Edward Crutchley per Woolmark


Vincitore della categoria femminile è invece il brand Colovos, i cui fondatori sono gli americani Nicole e Michael Colovos, rispettivamente ex direttrice artistica e direttore del design di Helmut Lang.

Dopo aver lanciato un primo brand insieme all’inizio degli anni 2000, chiamato Habitual, la coppia basata a New York ha creato Colovos nel 2015, “un marchio dall’estetica minimalista, che mescola linee architettoniche, dettagli molto studiati e bei materiali, giocando sulle proporzioni”.
 
Sviluppato attraverso delle capsule collection, il marchio scommette sin dai suoi inizi su uno stile “effortless”, ricorrendo all’uso di fibre naturali per un impatto minimale sull’ambiente, vantandosi di creare così un lusso moderno. Una visione che gli ha permesso di essere distribuito nei migliori negozi del mondo: Barneys New York e Ikram negli USA, o Tomorrowland in Giappone.

Colovos per il Woolmark Prize


Premiati con un assegno di 125.000 euro ciascuno (con Edward Crutchley che si è aggiudicato anche i 63.000 euro del premio all’innovazione), i due marchi vincitori e i loro stilisti beneficeranno anche del supporto di Woolmark Company e vedranno venduta la loro collezione per Woolmark in una decina di punti vendita, tra i quali Harvey Nichols, L’Eclaireur o Lane Crawford.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.