Ecco: utili in crescita del 10% e boom dell’e-commerce nel 2017

Dopo una contrazione subita nel 2016, il 2017 ha evidenziato segnali positivi per il marchio danese di calzature Ecco, che ha registrato una crescita del 5% in Italia, in termini sia di paia di scarpe vendute che di fatturato. Sono stati aperti 6 nuovi SIS con clienti Wholesale nel nostro Paese, che dimostrano come la strategia intrapresa di incrementare la presenza nei punti vendita attraverso l’installazione degli Ecco Concept stia dando i risultati sperati. L’innovazione portata anche sulla collezione con l’uso di nuove tecnologie e di modelli per un pubblico più giovane hanno permesso inoltre di aprire alcune collaborazioni commerciali che per Ecco sono di fondamentale importanza, ha indicato un portavoce dell’azienda danese in una nota.

Ecco, le "Crepetray Chukka" indossate - Ecco

L’utile ante imposte complessivo di Ecco per l’anno 2017 è stato di 184 milioni di euro, su di un fatturato di 1,276 miliardi di euro, rispetto ad un utile ante imposte di 170 milioni di euro nel 2016. A parità di tassi di cambio, ciò corrisponde ad un aumento del 10%.
 
Nonostante il difficile contesto in cui ha dovuto operare la vendita al dettaglio, spinta verso significativi cambiamenti dalle continue novità nel settore delle calzature e della moda e dalla rapida espansione del settore e-commerce, “sono lieto di constatare come la nostra organizzazione ha ottenuto un’ottima performance nel 2017", ha dichiarato Steen Borgholm, CEO di Ecco Sko A/S. “Abbiamo continuato ad investire nel futuro e siamo rimasti fedeli alla nostra strategia senza perdere di vista le prestazioni a breve termine”.
 
La regione più in crescita si è rivelata essere quella dell’Asia-Pacifico, area che rappresenta il 35% del fatturato netto del gruppo, mentre le Americhe rappresentano il 22% e l’EMEA (Europa, Medio Oriente ed Africa) il 43%.
 
Nel 2017, l'attività tradizionale di vendita al dettaglio e di e-commerce è cresciuta del 21%, con solo l'e-commerce in crescita del 47%.

Ecco, il modello "Crepetray" - Ecco

Steen Borgholm ha aggiunto al riguardo: "Essendo un marchio globale con un portafoglio di vendita al dettaglio e una presenza online sempre più efficace, siamo ben posizionati per trarre vantaggio dalle tendenze in evoluzione, che i consumatori cercano e acquistano su diversi canali”.
 
Ecco, azienda a conduzione familiare, è stata fondata in Danimarca nel 1963, a Bredebro, e possiede e gestisce ogni aspetto della catena di produzione: dalle concerie alle scarpe, alle attività all'ingrosso e al dettaglio. I prodotti Ecco sono venduti in 90 Paesi da oltre 2.200 negozi monomarca e sono distribuiti in più di 14.000 punti vendita multibrand. Ecco impiega oltre 21.000 persone in tutto il mondo (circa 2.000 in più di due anni fa).
 
Tornando al mercato italiano, per il 2018 l'azienda danese fa sapere, tramite il portavoce, che si aspetta un consolidamento dei risultati ottenuti nell’anno precedente, non prevedendo ulteriori crescite, ma la stessa fonte interna lo definisce l'anno giusto per valutare alcune partnership per progetti di sviluppo nel retail.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - ScarpeBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER