×
1 687
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Export Sales Manager – Nord Europa, UK, Est Europa e Middle East
Tempo Indeterminato · MILANO
PVH ITALIA SRL
District Manager Adigeo Shopping Center - Verona
Tempo Indeterminato · VERONA
ADECCO ITALIA SPA
Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Logistic Manager - Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
MAISON DEGAND
Inventory Control Manager
Tempo Indeterminato · BRUXELLES
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità

Drastica riduzione della superficie coltivata a cotone in India

Di
Reuters
Pubblicato il
today 24 giu 2015
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La superficie coltivata a cotone in India potrebbe conoscere uno dei cali più importanti da oltre dieci anni a questa parte. Infatti, il crollo dei prezzi e una terribile siccità stanno incoraggiando gli agricoltori a spostarsi verso la coltivazione di leguminose nella speranza di ottenere migliori rendimenti, ha dichiarato il rappresentante di un organismo professionale.


Un calo della produzione in India, secondo esportatore di cotone al mondo dopo gli USA, dovrebbe facilitare il recupero dei prezzi di riferimento a livello mondiale, che sono aumentati del 13% a partire dal valore più basso degli ultimi cinque anni, sceso a 57,05 centesimi per libbra nel mese di gennaio. In India, in compenso, i prezzi del cotone hanno subito una stagnazione.

I prezzi sono crollati al di sotto delle tariffe fissate dallo Stato dopo che la Cina, il maggiore compratore, ha frenato le importazioni nel 2014, per aiutare i propri produttori. Dall'altra parte, i prezzi delle leguminose sono cresciuti di oltre un terzo in sei mesi, a causa della limitata produzione dello scorso anno per colpa delle scarse piogge.

"Data la miglior resa di altre colture, la superficie coltivata a cotone potrebbe diminuire del 7%”, annunciava Dhiren Sheth, presidente della Cotton Association of India (CAI). Sarà il calo maggiore dal 2002/03.

Le previsioni per la prima siccità in India dal 2009 incoraggiano gli agricoltori a cambiare il tipo di coltura.

“Il cotone non rende a sufficienza. E se non piove a sufficienza, perdo ancora di più”, affermava Ashish Pawar, un produttore di cotone dello stato indiano del Maharashtra, che sta pensando concretamente di diversificare la sua produzione.

Il passaggio alla coltivazione delle leguminose, base dell'alimentazione in India, permetterà al Primo Ministro Narendra Modi di contenere i prezzi degli alimenti malgrado un anno in cui le piogge monsoniche si annunciano più deboli.

“Con il recente recupero dei prezzi della soia, gli agricoltori potrebbero anche piantare della soia al posto del cotone”, ha dichiarato Dinesh Shahra, direttore generale di Ruchi Soya Industries Ltd.

Questa sconfinerebbe così sulla superficie riservata al cotone, che aveva raggiunto il livello record dei 13 milioni di ettari nella stagione precedente, quando l'India ha prodotto 39 milioni di balle.

Il governo si aspetta un calo del 41% nel corso dell'anno di commercializzazione, che si conclude in settembre, a 7 milioni di balle, il livello più basso dal 2008/09.

La prospettiva cupa si riflette sul valore delle azioni dei produttori di semi di cotone, Kaveri Seed Co e Monsanto India, calate rispettivamente del 6% e del 9% questo mese.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2020 All rights reserved.