×
1 613
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
Reuters
Pubblicato il
24 giu 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Drastica riduzione della superficie coltivata a cotone in India

Di
Reuters
Pubblicato il
24 giu 2015

La superficie coltivata a cotone in India potrebbe conoscere uno dei cali più importanti da oltre dieci anni a questa parte. Infatti, il crollo dei prezzi e una terribile siccità stanno incoraggiando gli agricoltori a spostarsi verso la coltivazione di leguminose nella speranza di ottenere migliori rendimenti, ha dichiarato il rappresentante di un organismo professionale.


Un calo della produzione in India, secondo esportatore di cotone al mondo dopo gli USA, dovrebbe facilitare il recupero dei prezzi di riferimento a livello mondiale, che sono aumentati del 13% a partire dal valore più basso degli ultimi cinque anni, sceso a 57,05 centesimi per libbra nel mese di gennaio. In India, in compenso, i prezzi del cotone hanno subito una stagnazione.

I prezzi sono crollati al di sotto delle tariffe fissate dallo Stato dopo che la Cina, il maggiore compratore, ha frenato le importazioni nel 2014, per aiutare i propri produttori. Dall'altra parte, i prezzi delle leguminose sono cresciuti di oltre un terzo in sei mesi, a causa della limitata produzione dello scorso anno per colpa delle scarse piogge.

"Data la miglior resa di altre colture, la superficie coltivata a cotone potrebbe diminuire del 7%”, annunciava Dhiren Sheth, presidente della Cotton Association of India (CAI). Sarà il calo maggiore dal 2002/03.

Le previsioni per la prima siccità in India dal 2009 incoraggiano gli agricoltori a cambiare il tipo di coltura.

“Il cotone non rende a sufficienza. E se non piove a sufficienza, perdo ancora di più”, affermava Ashish Pawar, un produttore di cotone dello stato indiano del Maharashtra, che sta pensando concretamente di diversificare la sua produzione.

Il passaggio alla coltivazione delle leguminose, base dell'alimentazione in India, permetterà al Primo Ministro Narendra Modi di contenere i prezzi degli alimenti malgrado un anno in cui le piogge monsoniche si annunciano più deboli.

“Con il recente recupero dei prezzi della soia, gli agricoltori potrebbero anche piantare della soia al posto del cotone”, ha dichiarato Dinesh Shahra, direttore generale di Ruchi Soya Industries Ltd.

Questa sconfinerebbe così sulla superficie riservata al cotone, che aveva raggiunto il livello record dei 13 milioni di ettari nella stagione precedente, quando l'India ha prodotto 39 milioni di balle.

Il governo si aspetta un calo del 41% nel corso dell'anno di commercializzazione, che si conclude in settembre, a 7 milioni di balle, il livello più basso dal 2008/09.

La prospettiva cupa si riflette sul valore delle azioni dei produttori di semi di cotone, Kaveri Seed Co e Monsanto India, calate rispettivamente del 6% e del 9% questo mese.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.