×
368
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital go to Market Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM S.P.A.
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · GALLARATE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato ·
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Commercial Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILAN
CONFIDENZIALE
Senior Merchandising Manager - Women's
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Nord e Centro Europa - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Linea Donna - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Rtw Talent Development Partner
Tempo Indeterminato · NOVARA
ANONIMO
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistic Planning And Outbound Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ST. BARTH SRL
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Content Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LK
Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Supply Chain Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager Retail
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Mrtw Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PRAXI
Responsabile Pianificazione Produzione Pelletteria Production Planning Manager Leather Goods
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Pubblicato il
28 ott 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dr. Martens internalizza la distribuzione wholesale in Italia

Pubblicato il
28 ott 2020

Dopo una partnership distributiva durata oltre 30 anni, Dr. Martens e l'azienda di distribuzione multicanale ASAP hanno annunciato oggi che il marchio britannico di calzature riprenderà in gestione diretta tutte le operazioni wholesale relative al mercato italiano.

Dr Martens


Il brand inglese, famoso in tutto il mondo per gli anfibi originali e aggressivi, realizzati in pelle con la suola in gomma, si vedrà infatti trasferire da ASAP dal 1° giugno 2021 la distribuzione all'ingrosso in Italia, con effetto dalla campagna vendite Autunno-Inverno 2021/22, indica un comunicato.
 
ASAP e Dr. Martens continueranno a lavorare a stretto contatto durante il periodo di transizione per garantire un passaggio di consegne lineare. La fine di questa lunga e proficua collaborazione avviene in maniera estremamente morbida, con uno scambio di elogi nel comunicato tra il cofondatore di ASAP Giovanni Cecchini, che parla di “viaggio fantastico insieme” e “conclusione estremamente positiva di questo rapporto speciale e prezioso”, e Lorenzo Moretti, dallo scorso febbraio Presidente EMEA di Dr. Martens, che tiene a sottolineare il “supporto di ASAP nell’accrescere e consolidare” la presenza del brand in Italia, il quale “ha mostrato una crescita eccezionale in tutta la regione EMEA per diversi anni”.

“Accelerare la nostra crescita diretta al consumatore e generare connessioni più profonde e significative con i nostri utenti sono parti essenziali della nostra strategia”, ha affermato Moretti. “L'Italia è un mercato importante per il marchio Dr. Martens”, continua il dirigente, per il quale portare internamente la distribuzione costituisce un altro tassello dei piani volti a “rafforzare la nostra performance nella regione”.
 
Fondata più di 30 anni fa, ASAP rappresenta un portafoglio di marchi di lifestyle internazionali che presenta nei suoi showroom di Milano e Firenze, tra i quali, Ugg, Steve Madden, Tretorn, Kurt Geiger e Juicy Couture.

Dr. Martens questo mese ha aperto due flagship, uno in Messico (nella foto) e uno in Perù - Dr. Martens


Emblema di uno stile grintoso ed energico, il marchio Dr. Martens viene creato nel 1960 dall’azienda inglese R. Griggs & Co. di Wollaston, nel Northamptonshire, già produttrice di robuste scarpe per lavoratori e soldati, che acquista il brevetto degli scarponi con il fondo ammortizzato inventati dal medico tedesco Klaus Maertens, cui si ispira il nome del brand. Il primo stivale del marchio era inizialmente indossato da postini e poliziotti, ma negli anni '60 esplode tra i giovani del Regno Unito la moda dello scarpone da lavoro anfibio dall'anima punk-rock, venduto a otto, dieci o tre occhielli, con le cuciture gialle e la linguetta posteriore, che diviene negli anni '70 la calzatura simbolo della Londra underground e di molte subculture ‘ribelli’, come skinhead, ska, dark e metallari.
 
Dr. Martens ha sofferto di un calo di popolarità all’inizio degli anni 2000 ed è andata vicino al fallimento nel 2003. La produzione è stata delocalizzata in Cina, causando la soppressione di 1.000 posti di lavoro in Gran Bretagna.
 
Ma nel 2014, Dr. Martens è stato acquisto dal fondo di investimento Permira, con sede a Londra, per 300 milioni di sterline (circa 380 milioni di euro), che ha investito nello sviluppo dell’offerta online della società. Infatti oggi il digitale è uno dei principali asset di crescita di Dr. Martens, rappresentandone il 16% del giro d’affari totale. Permira starebbe preparando l’ingresso alla Borsa di Londra del marchio britannico per i primi mesi del 2021. All’inizio del 2020, il fondo statunitense Carlyle ha espresso interesse nei confronti di una possibile acquisizione di Dr. Martens, prima che la pandemia di coronavirus bloccasse l’operazione. Tuttavia, secondo l’agenzia Reuters, dopo aver ceduto a Permira il brand di sneaker di lusso Golden Goose lo scorso febbraio, Carlyle sarebbe ancora interessato all’acquisizione dell’azienda inglese, che sarebbe solo posticipata al 2021.
 
Dall’acquisizione da parte di Permira, le vendite del marchio a livello mondiale sono sempre cresciute tra il 20% e il 30% negli ultimi anni. Addirittura, gli ultimi dati, quelli riferiti all’esercizio chiusosi il 31 marzo 2020, mostrano che il produttore britannico di calzature ha visto crescere il fatturato del 48% sull’intero anno, a 672,2 milioni di sterline (740,3 milioni di euro) e l'utile operativo del 110%, a 142,5 milioni di sterline (156,9 milioni di euro). Questi miglioramenti si sono registrati a seguito soprattutto dell’aumento delle vendite del 51% sperimentato dai business direct-to-consumer negli e-shop e nei negozi fisici, che hanno raggiunto un fatturato di 301,6 milioni di sterline (oltre 332 milioni di euro). Dr. Martens è andato forte anche sul fronte del commercio all'ingrosso, salito del 45% nel 2019/20, a 370,6 milioni di sterline (408,1 milioni di euro).

Dr. Martens ha appena lanciato una linea di calzature per adulti e bambini ispirata al pittore Basquiat - Dr. Martens


L'EBITDA sottostante è cresciuto del 108%, a 82 milioni di sterline (90,3 milioni di euro), mentre l'EBITDA riportato è stato di 92,4 milioni di sterline (101,7 milioni di euro). L’azienda vanta 122 negozi monomarca nel mondo (62 gestiti direttamente, 5 inaugurati nell’esercizio 2019/20, tre in Germania, uno in Francia, uno in UK).
 
Naturalmente, queste belle cifre includono solo un periodo molto breve in cui i negozi sono stati chiusi a causa della pandemia ed è probabile che il resto dell’esercizio 2020/21 non sarà alttettanto positivo a causa dei lockdown mondiali. Tuttavia, il CEO Kenny Wilson, alla presentazione dei risultati lo scorso agosto, ha indicato come il rallentamento dell’attività causato dalla crisi del coronavirus sia stato relativamente contenuto per Dr. Martens. Pur avendo ammesso che l'attuale contesto commerciale è “volatile e incerto”, Wilson si è detto fiducioso per il futuro dell’azienda che guida, grazie alla “strategia molto chiara supportata da un marchio e da connessioni con i consumatori entrambi molto forti”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.