×
1 523
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Douglas continua a crescere grazie alle acquisizioni

Di
DPA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 12 dic 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il retailer tedesco di profumi Douglas sta lottando per far fronte alla feroce competizione in atto in tutto il comparto della bellezza. Escludendo le acquisizioni, il suo fatturato dell'ultimo anno finanziario, conclusosi lo scorso 30 settembre, è rimasto stabile a 2,8 miliardi di euro, contro la crescita del 3% registrata nell’anno precedente, secondo i risultati pubblicati martedì a Düsseldorf.

Douglas


La catena si è lanciata in una lunga serie di acquisizioni: in Italia ha comprato i dettaglianti di cosmetici e profumi Limoni e La Gardenia, col loro arsenale di oltre 500 negozi. In Spagna ha comprato altri 300 negozi. In Germania, Douglas ha aggiunto Parfumdreams al suo portafoglio, allo scopo di rafforzare la propria presenza su Internet. Includendo le acquisizioni, il suo fatturato è salito del 17%, raggiungendo i 3,3 miliardi di euro. L’utile rettificato prima di interessi, imposte e ammortamenti è aumentato del 6%, a 376 milioni di euro.
 
Il mercato tedesco dei profumi è in pieno mutamento: diversi nuovi marchi portano avanti una competizione aspra contro Douglas, che per il momento continua a dominare il settore. Anche il dettagliante di moda online Zalando distribuisce dei prodotti di bellezza e di profumeria, e Sephora ha in previsione di ampliare la sua presenza in Germania. La catena francese di cosmetici trae beneficio dalla forza della sua casa madre, il colosso del lusso LVMH.

Tina Mueller, nuova CEO di Douglas, ha dunque prescritto un rinnovamento in profondità: secondo lei, i punti vendita dell’azienda devono subire una trasformazione per migliorare l’esperienza d’acquisto. Fra luglio e settembre 2018, il gruppo ha nuovamente registrato un leggero incremento delle vendite in Germania. La sua riorganizzazione, abbinata alla riduzione delle iniziative promozionali, ha consentito una "ripresa del business in Germania", secondo la società. Douglas controlla 435 negozi sul proprio mercato di casa.